lunedì , novembre 19 2018
Breaking News
Home / Clubbing / Jean-Michel Jarre presenta il nuovo album

Jean-Michel Jarre presenta il nuovo album

Il nuovo album di Jean-Michel Jarre in uscita il 16 novembre “Equinoxe Infinity” è un’esperienza totalizzante. Riconosciuto a livello globale come pionere e innovatore per la sua capacità di integrare le nuove tecnologie nel suo background e anche nei suoi visual, Jarre ha raggiunto lo status di artista leggendario e unico.

Per questo e per la quantità di argomenti di estremo interesse che verranno affrontati, diventa davvero imperdibile il talk che l’artista terrà alla Terrazza Martini di Milano (piazza Diaz al 7) venerdì 23 novembre, alle 18, in occasione della Milano Music Week, insieme a Luca De Gennaro.

Jean-Michel Jarre ha venduto più di 80 milioni di album nel mondo e i suoi spettacolari concerti open air hanno di gran lunga superato quella cifra. L’audacia del suo estro geniale hanno reso Jarre un collaboratore preziosissimo per innumerevoli musicisti. La sua empatia e l’attaccamento alla natura e all’importanza dell’istruzione hanno fatto in modo che si guadagnasse l’appellativo di UN Goodwill Ambassador per Unesco.

A 40 anni dopo, nella stessa data esatta in cui venne pubblicato il primo “Equinoxe” viene pubblicato “Equinoxe Infinity” che è, nelle parole stesse di jarre: “equinoxe all’ennesima potenza”. Per la prima volta Jarre ha scelto la cover come punto di partenza per il processo creativo: “Gli ‘Watchers’ sulla cover di ‘Equinoxe’ mi hanno sempre affascinato. Ho sempre pensato a ciò che poteva essere capitato a queste creature nelle ultime quattro decadi e a ciò che capiterà loro nelle prossime quattro. Così ho iniziato a sviluppare idee per la copertina del nuovo album prima ancora di iniziare le sessioni di registrazione. Mi sono imbattuto in un artista chiamato Filip Hodas su Instagram e gli ho chiesto se poteva essere interessato a realizzare due diverse cover basate sulla mia visione dell’album”.

Per questo motivo il lavoro sarà disponibile con due diverse copertine: una simboleggia un ambiente verde senza tempo con un tranquillo cielo blu, l’altra ci presenta un futuro della Terra distrutta sia dagli uomini che dalle macchine. Quando Jarre ha ricevuto la Medaglia Stephen Hawking per Scienze della Comunicazione nel 2017, il professor Hawking ha condiviso con lui il pensiero che ci sarà un momento in cui saremo costretti ad andare in un altro Pianeta se vorremo sopravvivere come specie.

“Mi piace pensare che possiamo stare sulla Terra ma che potremmo anche diventare nomadi dell’universo per sopravvivere. Se capitasse, potremmo in un certo modo vagare per l’universo per giorni e notti nell’infinità. Questo è quello che ho pensato quando ho composto la musica per questo album”, ha risposto Jarre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *