Denise Pipitone, il retroscena sulla storia d’amore di un poliziotto

La relazione intrattenuta da un esponente delle forze dell’ordine avrebbe avuto un peso considerevole sull’inchiesta relativa a Denise Pipitone.

Il caso è da sempre avvolto nel mistero. Nonostante i 16 e più anni trascorsi dalla sparizione della bambina, tante domane continuano a restare senza risposta.

Denise Pipitone
Denise Pipitone Foto dal web

Forte è la convinzione in tanti, tra opinione pubblica ed anche esponenti della stampa e delle forze dell’ordine che hanno trattato della vicenda in passato come adesso, che la scomparsa della piccola sia da imputare a persone che la sua famiglia conosceva.

La Procura di Marsala ha riaperto il caso e pare che ci siano nuovi elementi da prendere in considerazione. Risultano inoltre indagati Anna Corona e Giuseppe Della Chiave, già interessati da indagini passate, stando a quanto riferito da “Quarto Grado”.

Questa notizia è giunta proprio dalla trasmissione di Rete 4 ma pare che non abbia ottenuto le dovute conferme, prendendo in contropiede anche Piera Maggio, che di Denise Pipitone è la madre.

Leggi anche –> GF Vip, un ex tronista vuota il sacco sul reality: rivelazioni incredibili

La relazione di un poliziotto ha pesato sull’inchiesta

La stampa continua a trattare questa questione di cronaca nera, con in particolare “Il Corriere della Sera” che fa riferimento a quella che sarebbe la tesi più accreditata: si tratterebbe di un rapimento, fondato sulla gelosia provata nei confronti di Piera Maggio.

Foto dal web

Questa versione vedrebbe Anna Corona commissionare il rapimento di Denise Pipitone, che il marito Piero Pulizzi ebbe dalla amante, Piera Maggio appunto.

Un aspetto controverso è rappresentato da quel che si apprende dopo le dichiarazioni di Maria Angioni, primissimo pm ad occuparsi del caso.

Leggi anche –> L’Eredità, Insinna fa piangere tutti dalla Fialdini: “Non c’è più”

Leggi anche –> Maneskin, il trionfo dell’Eurovision ha anche un record indelebile

Lei ha affermato che ai tempi gli indagati vennero a conoscenza di essere sotto intercettazioni. Quindi dovette reagire di conseguenza, fingendo di smettere con il captare le loro comunicazioni e riprendendo con forze dell’ordine diverse.

Di ciò gli indagati dell’epoca sarebbero venuti a conoscenza a causa della relazione di un poliziotto coinvolto nelle indagini con la migliore amica della Corona. Fatto sta che molto si è speculato sulla figura di Denise, mentre di certezze non se ne hanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *