MIchelle Hunziker si sfoga dopo le critiche: “Avete idea?”

Michelle Hunziker accusata e minacciata di morte dopo la gag “cinese” a “Striscia la Notizia”.

Michelle Hunziker (screenshot Instagram)

Gerry Scotti e Michelle Hunziker sono stati sommersi dalle critiche dopo la gag scelta per presentare un collegamento a “Striscia la Notizia”.
I due popolari conduttori del tg satirico di Canale5 sono stati letteralmente sbranati per una gag giudicata razzista dai critici.

Nel lanciare il servizio dalla sede Rai di Pechino i due hanno mimato gli occhi a mandorla e l’accento cinese (scambiando le “erre” e le “elle”) per ironizzare su alcuni caratteri somatici.

La polemica ha valicato i confini nazionali, trasformandosi in un vero e proprio terremoto per Gerry e Michelle.

VEDI ANCHE—> Gerry Scotti e Michelle Hunziker a Verissimo sorprendono i fan: i dettagli

Michelle Hunziker: contro di me odio e minacce

Michelle Hunziker (Photo by Stefania D’Alessandro/WireImage,

La Hunziker ha deciso di tornare a parlare della vicenda attraverso i social.
Nelle sue stories di Instagram ha infatti commentato la vicenda che ha colpito lei ed il collega dichiarando: “Arrendersi non è un’opzione”

Michelle ha sottolineato la quantità di odio e violenza che l’ha travolta, con minacce ed insulti che hanno coinvolto anche la sua famiglia. Tuttavia ha tenuto a ribadire che “la vita è troppo bella e va festeggiata tutti i gironi come un dono”.

VEDI ANCHE—> Michelle Hunziker, il selfie con l’amore più grande: belle da morire

Dopo aver rinnovato le sue scuse per quella che per i conduttori era una gag senza alcuna intenzione offensiva o razzista, Michelle Hunziker ha poi cercato di stemperare i toni.

La bionda presentatrice ha infatti postato un divertente video in cui cerca di esibirsi in un balletto sulle note di Roar di Katy Perry “disturbata” dalla mamma Ineke. Michelle ha accompagnato le buffe immagini con la frase “Quando cerchi di fare un reel e qualcuno in pigiama rovina tutto! I love mum”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *