Scoperta sconvolgente nello spazio: lo strano vagabondare di pianeti senza stella di riferimento

La meraviglia dell’universo: la scoperta che sta facendo discutere, trovati 170 pianeti che vagano senza stella. Di cosa si tratta.

pianeti novità notizie
Pianeti (Pixabay)

Da sempre l’Universo è un qualcosa di affascinante e ancora inesplorato. Al riguardo esistono vari studi, analisi in corso che mettono in primo piano tutta la sua meraviglia.

Negli ultimi tempi l’European Southern Observatory ha portato a termine una scoperta inerente all’identificazione di ben 170 potenziali mondi alla deriva nel nostro angolo di galassia. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

La meraviglia dell’Universo, scoperti 170 pianeti: cosa sta succedendo

Nuovi metodi di studio e mezzi hanno permesso all’European Southern Observatory di compiere una delle scoperte più surreali al mondo.

sistema solare pianeti
Sistema Solare (Pixabay)

L’astronoma e prima autrice del Laboratoire d’Astrophysique de Bordeaux, Núria Miret-Roig ha affermato che

Potrebbero esserci diversi miliardi di questi pianeti giganti che fluttuano liberamente nella Via Lattea senza una stella ospite. Abbiamo misurato i minuscoli movimenti, i colori e la luminosità di decine di milioni di sorgenti in una vasta area del cielo. 

Poi ancora

Queste misurazioni ci hanno permesso di identificare in modo sicuro gli oggetti più deboli in questa regione, i cosiddetti rogue planets.

Subentra, però, un problema che riguarda il fatto di non riuscire a vedere nel dettaglio questi mondi. La scienziata ha spiegato che inizialmente sembravano dei piccoli affossamenti nello spazio tempo, visti i loro corpi massicci che distorcono brevemente lo sfondo della luce delle stelle.

Successivamente con l’ultima raccolta di dati, gli esperti hanno notato  che i pianeti appena nati continuassero a brillare di calore residuo per molti milioni di anni.

LEGGI ANCHE—>Isola, Guendalina Tavassi ammette i ritocchi ma fa una precisazione: “Sono miei!”

LEGGI ANCHE—>Il Volo, il trio esplode: la FOTO di Gianluca Ginoble non mente sull’apocalittico evento

L’universo è una scoperta continua e gli scienziati non perdono occasione di studiare e analizzare i vari movimenti e le caratteristiche che lo costituiscono. Non mancheranno nei prossimi anni ulteriori aggiornamenti, intanto i più curiosi potranno approfondire l’argomento trattato in questo articolo che risulta interessante e può essere uno spunto per futuri studi da portare avanti. Inoltre, anche i mezzi fanno la differenza rispetto al passato.