Giusi Ferré, morta la nota giornalista: perché fu considerata un’icona

Giusi Ferré, una giornalista dall’aspetto curioso e originale, è morta la scorsa notte all’età di 76 anni.

giusi ferré foto morta
Giusi Ferré (Facebook)

E’ morta all’età di 76 anni la notte scorsa. Giusi Ferré era una nota e famosa giornalista considerata da tutti un’icona della moda italiana.

Era nata a Milano il 16 dicembre del 1946 da una famiglia originaria di lì. Il padre era un tranviere e la mamma casalinga. La più grande di tre figli, aveva una parentela con lo stilista Gianfranco Ferré ma ha sempre cercato di mantenere segreto il rapporto per non alimentare gossip o voci infondate sulla sua professione. Era, infatti, una giornalista di moda e di costume.

Giusi Ferré, icona del giornalismo italiano

La moda e il giornalismo sono state le sue più grandi passioni e nel corso della sua carriera è riuscita proprio a unirle.

giusi ferré giornalismo
Giusi Ferré (Facebook)

Iscritta all’Ordine dei giornalisti nel 1975, scrisse la prima intervista per Miuccia Prada, quando iniziò a collaborare con il settimanale L’Europeo, nella quale la stilista ricorda di quando il padre la portava in America a bordo del transatlantico vestendola di nero, per evitare di essere divorate dagli squali in caso di naufragio.

Più tardi iniziò una rubrica intitolata Buccia di banana, storica sezione di costume e moda del settimanale che riguardava le gaffe di stile delle celebrità. E’ stata lei ad inventarla ed ebbe un grande successo, tanto da dedicarle anche un libro e ispirare una trasmissione su Lei tv.

Famosa anche in televisione, è diventata volto noto per aver fatto parte della giuria del programma Italia’s Next Top Model. Sono in tanti a ricordala in questo triste giorno e sui social il web le ha dedicato messaggi di cordoglio.

LEGGI ANCHE>>>Costanza Caracciolo, il fine settimana con lei è sublime: classe sopraffina – FOTO

LEGGI ANCHE>>>Romina Power, tremenda rivelazione su Ylenia: il reale motivo per cui sarebbe ancora viva

La giornalista, inoltre, era molto attiva per la società. Aveva un senso civico fortissimo che le faceva sostenere i servizi pubblici. Pensate sul Corriere della Sera si legge che era contenta di pagare le tasse. Una donna di altri tempi, con una cultura strepitosa e un’intelligenza fuori dal comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.