Sofia Loren, ex sarta colpevole di un crimine: in manette a 84 anni

L’hanno portata in carcere in pigiama e senza dentiera per aver commesso un crimine: è l’ex sarta di Sofia Loren.

Ex sarta Sofia Loren arrestata 84 anni accoltellamento marito
(Instagram – @sofia_loren_official_)

Si chiama Loretta la signora di 84 anni arrestata lo scorso 9 agosto per aver commesso un crimine domestico contro il marito. La donna è stata la ex sarta di alcune importanti personalità del mondo del cinema italiano: tra queste Sofia Loren, Marcello Mastroianni e Alberto Sordi. L’evento ha suscitato scalpore e interesse mediatico date le condizioni in cui la donna è stata portata via da casa sua dalle forze dell’ordine.

Stando ad alcune testimonianze, infatti, nonostante l’età molto avanzata la donna sarebbe stata portata in carcere dalla polizia, in camicia da notte e senza alcun bene personale. Addirittura, secondo quanto riferito da Gabriella Stramaccioni, garante dei detenuti del Comune di Roma, a Loretta non sarebbe stata data la possibilità neanche di prendere la sua dentiera.

Loretta: “certo che la faremo uscire dal carcere”

Una tale urgenza da parte della polizia è stata dovuta al crimine commesso dalla donna. Loretta ha accoltellato il marito, provocandogli tuttavia ferite superficiali che non lo hanno messo in pericolo di vita. Il motivo di un tale gesto sarebbe da ritrovarsi nella reazione della donna alle violenze continue subite da parte dell’uomo.

Ex sarta Sofia Loren arrestata 84 anni accoltellamento marito
(Rob Owen-Wahl – Pixabay)

Sul corpo Loretta riporta infatti numerosi lividi che potrebbero confermare il movente della donna. In molti hanno dunque deciso di battersi affinché sia fatta giustizia per Loretta. Le detenute del carcere di Rebibbia, ad esempio, hanno deciso di mobilitarsi per fornire alla donna almeno i beni di prima necessità di cui potrebbe avere bisogno.

LEGGI ANCHE -> Non c’è stato nulla da fare per il bambino investito ad Aosta: morto a dodici anni.

LEGGI ANCHE -> Un posto al sole, il cast afflitto dall’improvvisa scomparsa: un dolore acuto.

Anche Gabriella Stramaccioni ha parlato chiaro: viste le condizioni in cui versano oggigiorno le carceri, è disumano pensare di poter recludere una donna di 84 anni. “Certo che la faremo uscire. Ho preso impegno con lei per la ricerca di un alloggio. Ma altrettanto vero che la signora non doveva entrare“, ha poi continuato la garante facendo riferimento all’atto e alle condizioni dell’arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.