Straordinaria scoperta: rinvenuto sul fondo del mare un prezioso tesoro

Straordinaria scoperta di archeologia subacquea: rinvenuto sul fondo del mare un prezioso tesoro di oltre tre secoli fa. I particolari. 

scoperta fondo mare tesoro
Sub (Foto da Pixabay)

L’archeologia è una scienza che studia le civiltà, il loro passate, quelle che sono state le relazioni con l’ambiente, gli usi e i costumi. Vi è una particolare branca di questa disciplina che è l’archeologia subacquea che si occupa di investigare le acque, i relitti, i fondali.

L’immenso patrimonio culturale mondiale, infatti, non si trova solo in superficie, ma anche sul fondo del mare. Gli archeologi subacquei si occupano proprio di recuperare antichi oggetti, ormai, sommersi e di conseguenza dare loro un contesto storico.

Altro compito dello scienziato, una volta recuperato e messo in sicurezza il tesoro, è quello di tutelarlo con lo scopo di valorizzare il patrimonio culturale. Ed è proprio quello che è nella volontà del team di esperti americani, circa la loro sorprendete scoperta.

Bahamas, riemerge dal fondale marino un preziosissimo tesoro nascosto. Che scoperta

La notizia arriva direttamente dalle Bahamas e vede il sensazionale recupero di un tesoro inabissato – appartenente ad un galeone spagnolo – sul fondo del mare oltre tre secoli fa.

scoperta fondo mare tesoro
Tesoro (Foto da Pixabay)

Nelle ultime settimane sono state registrate importanti scoperte in campo archeologico. Quando si sente parlare di tesori nascosti in fondo al mare, bisogna ammettere che il pensiero ci porta al mondo dei pirati. Il gruppo di scienziati americani ha riportato in auge il bottino di un galeone spagnolo inabissato 350 anni fa.

La spedizione non è stata particolarmente semplice, nonostante fosse chiara la posizione del relitto. Il galeone in questione porta il nome di Nuestra Señora de las Maravillas e parte del suo recupero è avvenuto negli anni. Sono stati recuperati sostanziali reperti che hanno permesso di ricostruire la vita di chi abitava il mare.

Rinvenuti pregiatissimi gioielli come una croce di Santiago, collane d’oro e pietre preziose quali ametiste e smeraldi. Ma non è tutto: abbiamo anche una spada molto antica e alcuni utensili da cucina. Il tutto si aggiunge alla già vastissima collezione esposta in museo, composta da un numero elevatissimo di pezzi.

LEGGI ANCHE –> Meteo, caldo record in tutta Italia. Domenica cambia tutto

LEGGI ANCHE –> Allarme squali, i predatori si trovano in acque territoriali: nuovi avvistamenti

Il galeone spagnolo naufragò nel 1656 dopo essere entrato in collisione con un’altra nave. Oggi i suoi resti sono conservati presso il museo Maritime delle Bahaman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.