Virus zanzare, è allerta in Italia: altra vittima accertata. La situazione

C’è una nuova vittima del West Nile, il virus trasmesso dalle zanzare. In Nord Italia è stato accertato l’ennesimo decesso a lui legato.

west nile virus zanzare vittima
Zanzara (Canva)

C’è grande preoccupazione per il virus trasmesso dalle zanzare e che sta continuando a scatenare morte nel Nord Italia. Si tratta del temibile West Nile, che pochi giorni fa ha mietuto un’altra vita, una signora ultraottantenne che è morta in un reparto di Terapia Intensiva.

Le zanzare sono tra gli insetti più fastidiosi e persistenti, inseparabili compagni dell’estate, quando si “divertono” a banchettare con il nostro sangue, che serve alle femmine della specie per poter produrre le loro uova.

Ciò di cui non sempre ci rendiamo conto, è che non sono solo fastidiose per le punture che ci lasciano sulla pelle, ma rischiano anche di trasmetterci malattie che possono diventare, come nel caso del virus in oggetto, mortali o quanto meno molto gravi.

La signora, che purtroppo ha perso la vita, soffriva di diverse patologie, ma il virus le è stato fatale, e dal 16 luglio si trovava ricoverata. Tre giorni dopo le condizioni si sono aggravate, colpita da una gravissima encefalite ed è deceduta il 31 luglio.

Cos’è la West Nile o Febbre del Nilo? I suoi sintomi

La Febbre del Nilo è un virus trasmesso in particolare dalla zanzara culex pipiens, ed è stato isolato per la prima volta negli anni 30 in Uganda. L’OMS ha calcolato che dalla fine degli anni Novanta ad oggi si è diffuso in Europa, Medio Oriente, Asia, Nord America e Africa.

Anche gli altri animali, come uccelli ed equini ne sono portatori, una volta punti dagli insetti, non sono stati registrati, invece, casi di trasmissione tra esseri umani. Di solito l’incubazione ha una durata massima di 14 giorni e la malattia è nell’80% dei casi asintomatica.

LEGGI ANCHE –> Serpenti in giardino? Tienili lontano dal tuo verde con un metodo alternativo: funziona

LEGGI ANCHE –> Codice della strada, importanti novità in arrivo per gli automobilisti

Nel restante 20%, tuttavia, la persona colpita dal virus è colpita da febbre, dolori muscolari, nausea e vomito, mal di testa e anche rush cutanei. Il caso registrato in Veneto è il quarto mortale, con gli altri tre avvenuti in provincia di Padova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.