Mondo del cinema italiano in lutto: scomparso il famoso attore. Aveva 50 anni

Un momento davvero triste per tutti coloro che hanno amato una pellicola in particolare in cui aveva presenziato.

Candela
Candela (Pixabay)

Ogni volta che si dà una notizia di questo tipo non si può fare altro che provare un profondo dispiacere, soprattutto perché, anche nel caso che non si conosca di persona, chi ci ha lasciato potremmo averlo visto in svariati progetti.

Ci stiamo riferendo a quando un personaggio divenuto conosciuto per questo o quel motivo, scompare prematuramente, magari a un’età in cui avrebbe potuto vivere ancora a lungo.

Così, a questo punto, non possiamo altro che rattristarci, come anche i colleghi dello stesso, per quello che è accaduto di recente. In effetti, si tratta di un attore che ha fatto parte del cast di una piccola di spicco che sicuramente fa parte della storia del cinema italiano.

In particolare, il film è Johnny Stecchino, uscito all’inizio degli anni Novanta, che tratta la storia di un certo Dante Ceccarini, autista di scuolabus, che si troverà in seguito a vivere diverse vicissitudini in una commedia degli equivoci che, ai tempi, conobbe un gran successo al botteghino.

Ecco, proprio in questo film aveva partecipato anche un attore che interpretò Lillo e che nel momento della scomparsa aveva soltanto cinquant’anni.

Non si può di certo dimenticare, e tutti gli appassionati del genere sicuramente ricordano il suo volto e la parte che recitò in quel frangente.

La pellicola indimenticabile

Ebbene, si chiamava Alessandro De Santis ed era affetto da sindrome di down. A far sapere la triste notizia del suo decesso quindi è stata la famiglia.

benigni de santis
Alessandro De Santis e Roberto Benigni in una scena di Johnny Stecchino (Facebook)

Comunque sia, i parenti di Alessandro hanno anche affermato di aver ricevuto una lettera di cordoglio proprio da Roberto Benigni, regista e attore ne Johnny Stecchino.

È stata una sorpresa che, a quanto pare, gli ha fatto decisamente piacere. Ma, bisogna ricordare che questa pellicola divenne molto famosa anche all’estero, dato che all’epoca fu distribuito in più di una decina di Paesi e ricevette persino un David di Donatello e altri importanti premi.

LEGGI ANCHE –> Donna adescava uomini sul web e li narcotizzava per derubarli: arrestata

LEGGI ANCHE –> Virus zanzare, è allerta in Italia: altra vittima accertata. La situazione

Alessandro De Santis, inoltre, fu protagonista anche di una scena che in America venne censurata, quando, per l’appunto, Benigni, nei panni di Dante, ha dato una bustina con all’interno delle sostanze stupefacenti, fingendo che invece si trattasse di una medicina per il diabete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.