Evoluzione dell’uomo dalle origini all’oggi, la metamorfosi del volto nel tempo: lo studio scientifico

Evoluzione continua grazie ad un processo di trasformazione che ha interessato i primi umani sulla terra. La ricerca non si ferma.

Evoluzione volto umano
Evoluzione (pixabay)

La scienza non fa mai mancare nuove scoperte riguardante l’evoluzione dell’uomo. Ecco le ultime novità. Il primo essere umano sembra che sia apparso sulla terra 350.000 anni fa e la massima diffusione fu in Europa.

Il classico uomo di Neanderthal deve il nome al luogo dove è stato rinvenuto i primi resti del corpo dei primi abitanti. Sono susseguiti altre specie dello stesso genere umano ma di volta in volta si sono estinti.

Alla base della scomparsa ci sarebbero dei cambiamenti climatici inerenti alle ere glaciali. Si è stabilito l’uomo sapiens a cui appartenevano i preistorici. Da qui si sarebbe evoluta anche un dato di cultura che avrebbe portato a nuove scoperte.

Evoluzione in continuo fermento, i ricercatori sempre al vaglio di novità

Il fuoco è stata quella che ha dato il via ad un nuovo modo di vita dell’antichità. Si è pensati anche al trasporto con la costruzione della ruota. Con il passare del tempo l’evoluzione biologica si è completata.

Evoluzione scoperta volto
Evoluzione(pixabay)

I paleontologi sono sempre alla ricerca di nuovi spunti per capire le origini dell’essere umano. È noto a tutti come apparivano i nostri antenati. A vederli ora sono completamente diversi dalle fattezze dei nostri visi.

Gli studiosi hanno cercato di dare una risposta a questi interrogativi. Innanzitutto ha preso come esame le particolarità della struttura del cranio dell’Homo Sapiens e dell’uomo di Neanderthal.

La tesi finale asserisce che all’interno del cranio ci sono alcune ossa che si sono evolute in maniera differenziata. Attraverso delle speciali tecniche all’avanguardia si è portata alla luce la scansione tra i due crani.

La differenza sta nella crescita delle ossa. In pratica è solo grazie all’assorbimento delle cellule che depositano il tessuto osseo nella conformazione della testa. C’entra l’alimentazione e l’habitat.

LEGGI ANCHE–>Denise Pipitone spunta un intercettazione, fuori il nome del sospettato: novità nelle indagini

LEGGI ANCHE–>Rai, l’anniversario nel giorno più triste: il ricordo che emoziona tutti

Di conseguenza con il rivestimento della pelle il viso appare con lineamenti similari all’uomo moderno. Tante caratteristiche ancora imperano oggi ma nel tempo si è modificato proprio per evoluzione del ciclo della vita.

I ricercatori della New York University’s College promettono di sperimentare ancora per cercare di saperne di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.