Morti sul lavoro, ancora altri casi da Nord a Sud. Tre uomini perdono la vita. Cosa è successo

Nonostante si parli molto di sicurezza, in realtà, ancora non se ne vedono i frutti, anzi continuano a esserci altre vittime.

operaio
Un operaio al lavoro (Pixabay)

Non si placano le notizie che vedono come protagonisti degli operai che perdono la vita proprio mentre sono sul posto di lavoro. Una situazione che sempre di più fa pensare a quanto ancora sia piuttosto lontana la realizzazione della tanto auspicata sicurezza sul lavoro.

Proprio di recente, infatti, ha fatto discutere il decesso del giovane ascensorista che nel momento del fatale incidente si trovava alla Farnesina. Ma, a dire la verità, già il mese scorso, un po’ in tutta Italia si sono verificati infortuni mortali che, per l’appunto, non hanno lasciato scampo ai feriti.

Invece, ancora più fresche, purtroppo, sono le notizie di altre morti bianche che sono state registrate nelle ultime ore in varie località nostrane. La prima che vogliamo approfondire è quella che è accaduta in Puglia e più precisamente nella zona meridionale del Salento.

L’uomo, cinquant’anni passati, era a capo di un’impresa edile locale, e, secondo quanto è stato riportato, pare che sia precipitato da un ponteggio per un’altezza di circa sei metri. Inutili i soccorsi, seppur tempestivi, poiché non si è potuto fare altro che appurarne il decesso.

Un altro simile avvenimento, quindi, è successo anche a Costabissara, un piccolo comune in provincia di Vicenza. In effetti, il sessantenne coinvolto era alle prese con un piccolo trattore con l’ausilio del quale stava tagliando l’erba nei pressi di una roggia.

Gli altri dettagli degli infortuni

A un tratto, però, ha perso il controllo del macchinario ed è caduto proprio all’interno del canale artificiale. Anche in questo caso il 118 e i carabinieri sono arrivati il più presto possibile, ma non sono riusciti a salvare lo sfortunato dipendente comunale.

ponteggio
Un ponteggio (Pixabay)

Per ultimo, ma non meno preoccupante, è stato il decesso di un agricoltore che si stava occupando di un’arnia posta sopra a un albero. Alberto Faggi, questo era il nome della vittima, si trovava nel proprio castagneto posizionato nei pressi dell’abitazione e nella frazione di Verghereto, in provincia di Forlì-Cesena.

LEGGI ANCHE –> Omicidio Samarate, emergono nuove testimonianze shock. I dettagli del caso

LEGGI ANCHE –> Tragedia familiare, uccide moglie e figlia a martellate poi tenta il suicidio

Tuttavia, nonostante questa persona sia scivolata e abbia avuto un forte impatto con il terreno, si pensa che in realtà la causa sia stata un malore. Ciò proprio per il fatto che c’era soltanto un metro e mezzo di altezza tra lui e il terreno e per questo motivo è probabile che la ragione sia un’altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.