Ipertensione arteriosa, la dieta per stare meglio e i cibi da evitare. I consigli degli esperti

Secondo gli esperti bisognerebbe seguire determinare regole per non provocare dei seri scompensi all’interno del nostro corpo.

un cesto di frutta
Un cesto di frutta primaverile (Facebook)

L’ipertensione arteriosa, come ci fanno sapere gli esperti, è una condizione che non è decisamente rara e che è bene monitorare se non si vuole incorrere in problematiche più serie.

Si tratta della pressione che presenta dei valori che sono considerati non adeguati e quindi di uno squilibrio di cui bisogna stare attenti e che non bisogna sottovalutare.

Naturalmente, nel corso del tempo, questo disguido si è potuto curare con delle cure farmacologiche, anche se, in realtà, molto dipende dallo stile di vita di ognuno di noi che in effetti può davvero fare la differenza.

I medici, interrogati su questo argomento, affermano che per evitare un’innalzamento esagerato, prima di tutto è necessario tenere conto di una dieta sana che non presenti un’esagerata quantità di sale e alcool e che invece sia ricca di frutta, meglio se quella di stagione, e di verdura.

Sappiate, inoltre, che anche i grassi saturi non fanno bene in tal senso come anche i latticini interi e i cibi fritti. Tutti questi alimenti, infatti, se mangiati eccessivamente, possono davvero portare a dei problemi non indifferenti.

I consigli del modello dietetico Dash

Proviamo, allora, a capire che cosa ci propone la dieta Dash proposta dall’istituto statunitense National Heart, Lung e Blood. In particolare, oltre a ciò di cui abbiamo già accennato in precedenza, secondo questo modello è salutare l’assunzione del pesce, come, per esempio, la trota e il salmone, e anche di quei cibi che possono vantare il potassio e il magnesio.

trota
Una teglia con della trota salmonata (Pixabay)

I mirtilli sono necessariamente indicati, poiché si sono riscontrati effetti positivi per quanto riguardo il cuore e le arterie. Da non dimenticare nemmeno la frutta secca, in particolare, in questo caso le noci che possono essere facilmente inserite nel nostro menù, magari come spuntino durante la mattina o come merenda nel pomeriggio.

Un contorno molto apprezzato sono persino le lenticchie che aiutano ad abbassare, per l’appunto, la pressione sistolica. Per colazione, se proprio non sapete che cosa mangiare, si consiglia un vasetto di yogurt che, oltre ad aiutare il transito dell’intestino, è in grado di ripristinare la flora batterica.

LEGGI ANCHE –> Ridurre il rischio di cancro? Oggi si può grazie a questa speciale combinazione

LEGGI ANCHE –> Lavatrice, la strategia vincente per far splendere questi capi in poche mosse

In ultimo, ciò che si indica è anche la spezia denominata curcuma. Questa, forse, può non essere gradevole a tutti, poiché è piuttosto amara ed è maggiormente presente nella cultura gastronomica indiana. Tuttavia, a quanto pare, non è di certo un male se la utilizzate per delle zuppe o per condire alcuni secondi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.