Fedez, la frecciatina alla Rai per Concertone del Primo Maggio: “Quest’anno…”

Fedez, un anno fa, ha fatto un monologo al Concertone del Primo Maggio che ha fatto discutere per mesi. A distanza di tutto questo tempo, il cantante è tornato a parlarne

Fedez frecciatina
Fedez (instagram)

Fedez è uno dei cantanti più amati del mondo musicale italiano. La sua carriera è cominciata quando era solo un ragazzino e sta procedendo a gonfie vele, ma negli ultimi anni è riuscito a diventare un personaggio molto noto e sempre attivo nel sociale e anche nella politica.

Infatti lo scorso anno ha avuto il piacere di partecipare al Concertone del Primo Maggio, dove ha cantato e ha fatto un monologo che gli era stato bocciato dalla Rai. Sapeva che avrebbe infranto un po’ di regole salendo su quel palco e parlando comunque, gli tremavano le mani ma ha avuto un coraggio incredibile.

Fedez rompe il silenzio sul Concertone del Primo Maggio: “Avrei voluto essere lì ma…”

Fedez ovviamente, quest’anno non è stato invitato al Concertone. Non c’erano dubbi, lui stesso era certo del fatto che non avrebbe più messo piede in quella rete dopo quello che ha fatto.

Fedez però non se ne fa un dramma, anzi oggi ha deciso di ironizzare: “Buon Primo Maggio e buon concertone a tutti! Avrei voluto essere lì ma credo che il mio invito si sia perso“.

La storia di Fedez ha fatto il giro del web diventando virale in pochissimi minuti, riportandoci alla mente ad un anno fa, quando Fedez ha fatto tremare la televisione e i social con un monologo dove denunciava tantissimi problemi della nostra società, della politica e di tantissime altre cose. Dicendo su quello stesso palco che, poco prima di entrare, avevano cercato di tenergli la bocca chiusa.

LEGGI ANCHE–>Federica Pellegrini e l’addio al nubilato: l’incredibile trasformazione FOTO

LEGGI ANCHE—>“Non sai mai ciò che succede…”, Fabrizio Frizzi lo diceva sempre: parole sacrosante – FOTO

Forse Fedez non metterà davvero più piede nella Rai, ma quello che ha fatto lo scorso anno rimarrà davvero nella storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.