Attenzione alla nuova truffa del pacco: svuotano il conto. Ecco come riconoscerla

Allerta per la truffa che ora si sta diffondendo a macchia d’olio nel nostro paese: i punti per riconoscerla e ovviarla. Grande attenzione.

Carabinieri
Carabinieri (Foto dal web)

Sta spopolando di nuovo la truffa del pacco a danno delle persone, magari più ingenue. Con il semplice messaggio “il tuo pacco è stato trattenuto presso il nostro centro di spedizione” non pochi ci sono cascati e sono caduti in trappola.

Il raggiro è rivolto soprattutto a tutti quelli utenti che amano fare shopping online per comodità o piacere ed è lì che scatta tutto. Quell’innocuo, a prima vista, messaggio che si riceve fa scattare il tranello.

Si tratta di un inganno vero e proprio con l’intento di derubare somma di denaro dalle carte di credito o bancomat con cui vengono pagate le merci comprate sui siti. I rei fanno in modo di convincere gli acquirenti a fornire i dati tramite i quali, dichiarano, possono accedere all’iter del viaggio del pacco che viene spedito per capire il perchè è bloccato.

Leggi anche –> Briatore si lancia in un nuovo business: ennesimo successo per l’imprenditore

Truffa del messaggio: i consigli per non cascarci.

Questa fraudolenza viene chiamata Smishing e si sta triplicando a vista d’occhio negli ultimi tempi. Purtroppo è davvero difficile ostacolarla anche se la polizia postale sta facendo il possibile per eliminare questo pericoloso atto truffaldino.

Tragedia famiglia minorenne morto famiglia
(Foto Pixabay.com)

Lo Smishing si può considerare come un attacco informatico che chiunque può ritrovarsi nella sua posta elettronica o sui messaggi del cellulare. L’obiettivo è quello di scorgere i dati delle comune forme di pagamento online con l’intento di prosciugarlo.

LEGGI ANCHE –> Edoardo Vianello ed il dramma della figlia: tutto quello che non aveva mai confessato

Molte sono le truffe in atto ai danni degli italiani come quelle delle ricariche telefoniche da fare per avere altre ricariche in regalo o quello di spendere un tot per avere dei buoni da spendere nei supermercati. Ormai siamo inondati di queste assurde baggianate da non farci capire quale sia la strada giusta da percorrere. Per il momento bisogna assicurarsi di non aprire mai questi messaggi specialmente se non abbiamo da aspettare un pacco o se siamo sicuri di aver effettuato già un pagamento.