Platinette svela il metodo della super dieta: come ha fatto a dimagrire così

Impossibile riconoscere Platinette: la perdita di peso è pazzesca e l’opinionista e volto televisivo spiega come è riuscito in tutto ciò.

La sua presenza televisiva, ingombrante più per il fatto di non avere peli sulla lingua che per la stazza, diverte e suscita ammirazione in tanti. E spacca anche un po’ il pubblico, come è giusto che le opinioni facciano.

Foto da Instagram

Di Platinette è caratteristica la sua parrucca, così come il trucco vistoso. E soprattutto c’era la presenza fisica importante. Ora però Mauro Coruzzi – il vero nome dell’opinionista più originale che ci sia – ha parlato della dieta intrapresa già da tempo.

Su Raio 2 a “I Lunatici” Platinette ammette di avere sempre permesso che il cibo prendesse il sopravvento. Ora però c’è maggiore maturità in questo rapporto. Perché il cibo può diventare anche un gran nemico.

Ancora oggi è frequente il ricorso al cibo a domicilio, ma tutto quanto è ora più salutare. Una scelta maturata curiosamente all’inizio della pandemia, periodo che invece ha peggiorato le abitudini alimentari di tanti altri.

Leggi anche –> Mediaset, Barbara D’Urso ridimensionata: la replica tagliente sui social

Una presa di coscienza che ha migliorato la sua vita

Però Platinette ha faticato non poco, lavorando anche e soprattutto con la mente, per entrare in un percorso profondo di presa di coscienza. Per riuscire lì dove all’inizio vediamo una montagna, può essere utile coltivare degli interessi e delle passioni, magari anche quelle che non pratichiamo più da tempo.

Il 65enne conduttore radiofonico e tv, personaggio televisivo e cantante italiano ha scoperto in particolare la gioia che il cantare di notte comporta.

Con buona pace dei vicini di casa, anche se Platinette giura di avere fatto il possibile per limitare i loro disagi.

Leggi anche –> Riconoscete il volto della bimba in FOTO? Oggi è una amata conduttrice

Leggi anche –> Rischio alimentare, presenza tossica nei dolci: quale evitare per non finire in coma

E lui si è messo a dieta “per un senso di sopravvivenza”, testuali parole. Per vivere meglio e per essere più felice. Ma le gioie della buona cucina non mancano, così come, ogni tanto, pure il cibo spazzatura.

La differenza la fanno le dosi, più ridotte rispetto al passato, ed una maggiore mobilità, con ad esempio una bella passeggiata da fare con entusiasmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *