Grave lutto nel calcio, giocò la famosa Italia-Corea ai Mondiali 2002: di chi si tratta

Ex calciatore della Corea del Sud, si è spento ieri all’età di 49 anni. Una bruttissima notizia per il mondo del calcio.

Pallone calcio
Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Mancano pochissime ora al fischio di inizio che decreterà l’avvio degli Europei di Calcio, eppure il mondo sportivo in queste ore sta facendo i conti con la morte improvvisa di un campione che si è spento prematuramente all’età di 49 anni.

L’ex calciatore sudcoreano, grande protagonista dei Mondiali del 2002 Italia-Corea, dopo essersi ritirato dal calcio giocato qualche anno fa aveva intrapreso la carriera come allenatore.

Qualche anno aveva appreso della terribile malattia che lo aveva colpito e lentamente aveva abbandonato il campo per condurre una vita più tranquilla, fino alla notizia giunta poche ore fa della morte sopraggiunta.

Tantissimi i messaggi di cordoglio che sono apparsi ovviamente sui social network in sua memoria. Vediamo di chi si tratta.

Morto Yoo Sang-Chul, ucciso da un brutto male

In molti ricorderanno quella famosa partita del 2002 arbitrata da Byron Moreno in cui proprio la Corea in cui giocava Yoo Sang-Chul inflisse un duro colpo alla nostra nazionale negli ottavi di finale.

Yoo Sang-chul
Yoo Sang-chul (Foto Facebook)

Yoo ha indossato la maglia della Corea del Sud per 21 anni, dal 1994 al 2005 (per un totale di 124 presenze). Ha anche conquistato il titolo nella K-League con l’Ulsan Hyundai nel 1996 e nel 2005 con la maglia dello Yokohama F Marinos ha vinto il titolo nella J-League nel 2003 e 2004.

LEGGI ANCHE –> Calciatore di Serie A fa una scoperta incredibile: racconto agghiacciante

LEGGI ANCHE –> Tragedia Merlo, la fidanzata rompe il ghiaccio: le struggenti parole

La rinuncia al mondo del calcio è avvenuta dopo la diagnosi di tumore al pancreas che lentamente lo ha annientato. Sui social i messaggi dei tifosi sono esplosi: “Sei il nostro eroe“, “Grazie per averci regalato un meraviglioso ricordo, che conserveremo per sempre”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *