TikTok, quanto si guadagna sul social: non ci crederete

Il social network TikTok è sempre più in voga ormai e grazie ad esso si può anche guadagnare: ecco quanto.

In meno di cinque anni di vita, TikTok si è imposto tra i principali social network del mondo.

TikTok
App TikTok su cellulare (Getty Images)

Nato nel 2016 in Cina, e pensato inizialmente per un pubblico di adolescenti, viene ormai utilizzato da moltissimi utenti. Già lo scorso anno, era stata sfondata la quota di un miliardo.

Il suo funzionamento è ormai conosciuto da tutti: si possono creare brevi clip, fino a 60 secondi, con svariati effetti musicali e video.

Da ‘semplice’ mezzo di intrattenimento, per alcuni ‘tiktokers’ è diventato anche una fonte di vero e proprio guadagno. E sono in molti ormai, giovani o meno giovani, che della loro attività sul web in questo modo hanno fatto un lavoro.

TikTok, tutti i segreti del social del momento

Ma quanto si può guadagnare su ‘TikTok’? A svelare questo e altri segreti, ci pensa Alessandro Riggio. E’ il manager di Khaby Lame, un 21enne di Chivasso con origini senegalesi che si è lanciato sul social network dopo aver perso il lavoro a causa del Covid. E che così facendo, ha svoltato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TikTok Italia (@tiktok_it)

In un’intervista su ‘TPI’, Riggio spiega: “50 milioni di followers non sono 50 milioni di euro. La monetizzazione non arriva dalle views come pensano tutti. Si guadagna in base ai like, commenti, condivisioni, eccetera“.

Il conteggio, aggiunge, si basa sulle 24 ore e non sul lungo periodo. Nello specifico, TikTok versa ai propri utenti, ogni 1000 visualizzazioni, 0,01 centesimi di euro. E’ una cifra che però può subire delle variazioni da paese a paese e anche in base al periodo, come spiegato su ‘Biccy’.

LEGGI ANCHE —> Isola, Federica Panicucci, incredibile spoiler sul vincitore: è proprio lui!

LEGGI ANCHE —> Chiara Ferragni lo fa per la prima volta: il messaggio emozionante

Per quanto riguarda Khaby, la notorietà su TikTok gli ha portato anche altri vantaggi. Spiega ancora Riggio: “Ha fatto delle sponsorizzazioni con Barilla, siamo solo all’inizio”. Non è facile, insomma, ma si può tentare la fortuna come ha fatto lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *