Daniela Ferolla, il retroscena dopo Miss Italia: “Gli uomini avevano paura”

Daniela Ferolla, la conduttrice di Linea Verde rivela dei retroscena inediti durante l’intervista al Corriere della sera, da non crederci

Daniela Ferolla conduttrice
La conduttrice Daniela Ferolla (Getty Images)

Daniela Ferolla è oggi una delle conduttrici più belle e affascinanti della televisione. Ha vinto Miss Italia 2001  e successivamente si è conquistata un posto in tv,  grazie al suo talento e alla sua bravura. Laureata in Scienze della Comunicazione è diventata poi una giornalista. E’ alla guida di Linea Verde e da poco ha scritto anche un libro dal titolo Un attimo di respiro. Apparentemente sembra che la donna abbia avuto la strada spianata per i fortunati eventi che le sono capitati, ma non è tutto oro quel che luccica e l’ex Miss Italia ha rivelato qualche retroscena in un’intervista per il Corriere della Sera.

LEGGI ANCHE>>>Daniela Ferolla: “Dovevo rendermi brutta per vivere meglio”

Daniela Ferolla: gli uomini avevano paura, ma di cosa?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daniela Ferolla (@daniela_ferolla)

La sua bellezza e il suo fascino l’hanno resa vincitrice del concorso di Miss Italia 2001, all’epoca Daniela aveva solo diciassette anni ed aveva molto da imparare. Dopo quell’esperienza si è fatta strada giorno dopo giorno ed ha costruito la sua carriera. Ma non è stato facile. Essendo una bella ragazza veniva etichettata come la solita valletta o showgirl, ma lei voleva di più e così si nascondeva e rinunciava a sfoggiare la sua bellezza per non apparire. Voleva farsi conoscere per quella che realmente era. “Alcuni uomini con cui ho lavorato avevano paura di una ragazza giovane e carina – ha rivelato la donna durante l’intervista – sono arrivata tardi alla conduzione: era difficile avere lo stesso spazio dei colleghi uomini, non parliamo dello stipendio”. 

LEGGI ANCHE>>>Vittoria Puccini, la confessione sugli esordi: “Il primo ciak è stato imbarazzante”

Insomma per la Ferolla la gavetta non è stata semplice e la sua storia è l’ennesimo esempio che rimanda alla disparità di genere a livello lavorativo. Un argomento molto importante che ancora oggi resta un tabù della società italiana, nonostante siano state fatte lotte e altro affinché le donne siano al passo con gli uomini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *