Gli obiettivi per ripartire con la marcia giusta: semplici passi ed ottimismo

Porti dei nuovi obiettivi può darti una sferzata di ottimismo. Per ripartire abbiamo bisogno della marcia giusta. Pochi, semplici e piccoli passi.

positività
positività (foto da Pixabay)

 

In una fase critica dell’homo sapiens sapiens, in un momento storico-sociale di pandemia, lockdown, restrizioni e ansie generali, ognuno di noi (forse oggi più che mai), sente la necessità di ricominciare da zero. Dobbiamo pensare a nuovi propositi e dobbiamo farlo positivamente. Ma come ripartire? Basta la marcia giusta.

Si sa, i buoni propositi ci danno sempre quella sferzata di ottimismo e di speranza, qualcosa che possa modificare noi, la nostra vita, la solita e indiscussa quotidianità. Molti psicologi sostengono l’importanza della “non-staticità”: non rimanere fermi e ancorati a pretese inutili ma compiere piccoli e semplici passi.

Secondi gli studi di psicologia motivazionale, l’uomo ha necessità di vivere in continuo movimento, un movimento sia mentale che fisico (non parliamo solo di palestra o jogging!). Viaggiare, conoscendo l’alterità, immergendosi in nuove culture, scoprendo nuovi orizzonti… Qui risiede il vero input del cambiamento. Quindi: partire o ripartire. Sappiamo bene che non è questo il momento adatto per spostarsi. Basta solo l’idea in testa del prossimo viaggio ed è già molto. Cosa aspettare? Cominciamo dai piccoli passi ma subito!

Cambiare stile, cambiare abitudini e, perché no, anche i propri gusti. Tutto, davvero tutto, per non rimanere inceppati in frasi del tipo “ogni giorno è una copia del precedente da mesi o anni”. Mai, mai più.

LEGGI ANCHE -> Dimagrire senza dieta: ecco i 7 passaggi fondamentali

La marcia giusta per ripartire con semplicità, entusiasmo e ottimismo

lista obiettivi
(Foto StockSnap- Pixabay)

La proposta di stilare un elenco dei nostri obiettivi risulta ormai essere un metodo efficace. Cominciare con quelli a breve termine e appuntare, in fondo ad essi, quelli a lungo termine: definire gli obiettivi secondo il metodo SMART, (acronimo che tradotto in italiano significa formulare uno specifico obiettivo, misurabile, realistico e con un tempo ottimale di realizzazione). Soprattutto con tanto, tanto ottimismo.

Pochi passi da seguire per cominciare in questa breve lista consigliata dalla psicologia cognitiva: gioire dei successi ottenuti fino ad ora, premiarsi quando raggiungiamo un obiettivo, tener conto delle proprie risorse per ogni nostro desiderio, dividere in vari step un obiettivo a lungo termine, lavorare sulla propria autostima e sul senso di autoefficacia, cominciare a vedere il fallimento come un’opportunità e non come una sconfitta.

LEGGI ANCHE -> Test psicologico, dimmi quale arco attraversi e scopri la parte nascosta di te

Proprio dal fallimento che spesso si riparte. Sicuramente più stanchi e demotivati ma è nascosta proprio lì la chiave del successo. Il senso di vuoto lasciato da una sconfitta non deve paralizzarci, ma stimolare ai tanti risultati che potremmo raggiungere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *