5 oggetti che non devono mai entrare in camera da letto

Scopri gli oggetti con cui non dovresti mai andare a dormire e quali rischi corri se decidi invece di infrangere la regola.

Computer
Foto da Pixabay

Garantirsi un buon riposo dovrebbe esser prerogativa di ciascuno di noi. Da ciò dipendono infatti tantissimi aspetti della nostra vita, dalla salute psicofisica al peso-forma, passando per bellezza della pelle, capita di concentrazione e molto altro ancora.

Purtroppo alcuni disturbi impediscono la buona qualità del sonno e, in tal caso, risulta indispensabile rivolgersi a un professionista per porre rimedio.

Altre volte però siamo noi stessi, per così dire, a sabotare il nostro sonno. Ciò avviene il più delle volte in modo inconsapevole ma si tratta di errori che sarà bene imparare a conoscere onde evitare di commetterli.

Iniziamo allora parlando di oggetti che non dovebbero proprio avere accesso nella nostra camera, pena aumento dello stress e alterazione del corretto sonno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Se fai questo errore butterai caffè e moka: attenzione!

Gli oggetti banditi prima di andare a dormire

Smartphone
Foto da Pixabay

Già da tempo si discute di come gli strumenti tecnologici possano intaccare il correttore ciclo del sonno.

Studi recenti giungono a fugare gli ultimi dubbi su tale teoria evidenziando come di sera sarebbe decisamente meglio tenere lontano dai nostri occhi determinati dispositivi.

Smartphone, computer e tablet mantengono la nostra amente eccessivamente ancorata al mondo reale, ai suoi pensieri e problemi.

Il team dei ricercatori sul sonno della California University ha evidenziato ad esempio come i bambini che portano il tablet al letto si addormentino 37 minuti più tardi dei ragazzi ai quali i genitori vietano tale pratica e le loro ore di sonno complessive tendono a diminuire. Di conseguenza il rendimento scolastico peggiora e la concentrazione viene meno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Dimagrire senza dieta: ecco i 7 passaggi fondamentali

Diversi studi provano come la luce blu emanata dai dispositivi elettronici riduca la produzione delle sostanze che regolano il ciclo sonno-veglia.

Di conseguenza, chi lascia qualche dispositivo acceso nella stanza, anche in stand by, non solo farà fatica a prendere sonno ma anche a mantenerlo.

Se dunque si ama leggere prima di andare a dormire si consiglia di utilizzare dispositivi appositi, come glie reader, non retroilluminati, oppure di ricorre al caro vecchio libro cartaceo. Ve lo ricordate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *