Addio alla cantante Mary Wilson, fondatrice delle Supremes

Morta Mary Wilson, cantante statunitense che insieme a Diana Ross e a Florence Ballard fondò le Supremes, band femminile degli anni sessanta

Supremes Trio
Trio Supremes (screenshot instagram)

Mary Wilson ci lascia a 76 anni. È deceduta nella sua casa a Las Vegas e il funerale verrà svolto privatamente a causa del COVID.  La grandissima cantante della Motown fondò le Supremes, la band nera femminile di grande successo a cavallo tra gli anni sessanta e gli anni settanta. Insieme a Diana Ross e a Florence Ballard, crearono un trio vocale che acquisì un enorme popolarità, fino allo scioglimento nel 1977. Il fondatore della Motown records, Berry Gordy, ha dichiarato che la Wilson fosse una vera diva, estremamente speciale per lui.

Leggi anche -> Querela per la Eusanio: dopo la Pausini, anche Aragozzini

La carriera artistica di Mary Wilson

Mary wilson
Mary Wilson (Screenshot instagram)

Mary Wilson divenne famosa dopo che, insieme alla grande Diana Ross e a Florence Ballard, fondò le Supremes, gruppo musicale femminile che portava l’etichetta Motown. La band ebbe moltissimo successo fra gli anni sessanta e gli anni settanta. Si esibirono per sedici anni fino al loro scioglimento nel 1977, quando Diana Ross decise di intraprendere la strada da solista. Il trio raggiunse la vetta alla fine degli anni Sessanta con due hit, Stop! In the Name of Love e Baby Love. Così la Wilson decise di intraprendere la carriera da solista e pubblicò il suo primo album nel 1979, sempre prodotto dalla Motown. Purtroppo, però, l’album non ebbe successo e la cantante perse il contratto con la rinomata etichetta. Nel 1986 scrisse la sua autobiografia Dreamgirl: My Life is a Supreme che, dopo un notevole boom, ispirò il film Dreamgirls del 2007.

Leggi anche -> Eusanio, il duro sfogo dopo la cacciata dal GF Vip: Appena so qualcosa 

Pochi giorni prima della sua morte, la Wilson aveva caricato sul suo canale Youtube una breve clip per il mese di febbraio, il Mese della storia dei neri (Black History Month).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *