DAZN, la nota piattaforma finisce nel caos mediatico. È polemica tra gli abbonati

DAZN, la nota piattaforma streaming finisce ancora una volta nel caos mediatico. È polemica tra gli abbonati. Cosa succede?

DAZN piattaforma polemica abbonati
Diletta Leotta, conduttrice DAZN (Foto da Instagram)

DAZN è un famosissimo servizio streaming e diretta on demand che consente la fruizione di tutte le partite di Serie A e Serie B. Nasce in Germania nel 2015, ma in Italia approda solo tre anni più tardi.

Moltissimi in questi anni gli utenti che hanno deciso di abbonarsi al servizio per poter godere tranquillamente dell’amatissimo campionato di calcio. Purtroppo, però, non è la prima volta che la nota piattaforma finisce nel caos mediatico.

DAZN: è polemica tra gli abbonati dell’app che non riescono ad usufruire del servizio

Come abbiamo appena accennato DAZN è una nota piattaforma streaming in cui è possibile, tramite abbonamento mensile, poter guardare in diretta tutte le partite della Serie A e B.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da DAZN Italia (@dazn_it)

Gli abbonati sono davvero a milioni, ma nel giro di questi anni DAZN è finita spesso in polemica a causa di alcuni ripetuti disservizi. Questo è quanto accaduto proprio nelle scorse ore. Inutile dire quanto dissapore ha creato negli utenti l’ennesimo problema. Vergogna – ha tuonato a gran voce un tifoso.

Sono state registrate molteplici lamentale a causa della mancata visione delle prime partite della Serie A. In molti hanno lamentato il fatto di non essere stati in grado nemmeno di accedere all’app o di essere sbalzati fuori dopo pochissimi minuti. Ora non posso rientrare – una delle segnalazioni ricevute.

A tal proposito è intervenuto anche il giornalista Enrico Mentana che, in veste di tifoso, ha segnalato il problema sui social. Una durissima stoccata la sua anche in virtù del costo ritenuto (da tanti) eccessivo dell’abbonamento. Dazn impara a rispettare i clienti – le sue parole.

LEGGI ANCHE –> Bancomat, ordine tassativo sui prelievi: cosa cambia nelle operazioni

LEGGI ANCHE –> Invasioni di granchi blu in Italia: è allerta sulle spiagge

Non sono tardate ad arrivare le scuse da parte della piattaforma che ha informato l’utenza di provvedere quanto prima al ripristino dei disservizi. Oggi resta ancora il malumore e l’amaro in bocca per quanto accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.