Invasioni di granchi blu in Italia: è allerta sulle spiagge

I granchi blu sono costosi e ricercati, guazzano nel Mediterraneo e il loro prezzo è elevato. Un’incursione dai tropici.

Granchi blu crostacei mari italiani
Granchi blu(pixaby)

Sentori di cambiamenti climatici sono soprattutto nel mare. E’ notizia recente che gli abitanti dei tropici si stanno trasferendo nelle acque nostrane. Ce lo affermano i pescatori che stanno trovando nelle loro reti delle specie che non vivono nei mari italiani.

Si tratta di prelibatezze della famiglia dei crostacei. I granchi blu affollano il Mediterraneo e vengono issati con la rete in maniera molto facile e celere. Le cucine sono molto felici di avere questo prodotto marino in quanto è venduto ad un prezzo che tocca i 150 euro al kilo. 

Tutto filerebbe liscio se non ci fosse un dilemma. I granchi blu sono una specie molto vorace e proprio bene non fa alla biodiversità marina. I nostri mari sono stati costretti ad ospitarli ma non sono nell’ambiente loro naturale. Per fortuna il pescato garantisce la loro diminuzione nelle acque.

Granchi blu alla riscossa nel Mediterraneo, un pericolo per l’habitat marino italiano

Purtroppo se da una parte l’attività culinaria esulta, dall’altra parte c’è chi ne fa le spese. I granchi blu sono molto voraci dei loro simili e di altri abitanti marini. Provengono dai tropici e dall’oceano. La caratteristica di quei luoghi da sogno è proprio la presenza di esseri appartenenti a questa specie.

Granchi blu mari italiani
Granchi blu(pixaby)

E’ stata una grande sorpresa quando gli esperti del settore si sono ritrovati nelle reti questi granchi che fanno parte di un elenco di crostacei costosi, Negli Stati Uniti vantano un costo eccezionale e naturalmente l’Italia si è adeguata. Le zone dove ora è in abbondanza è il Sud Italia.

Le coste calabre e pugliesi si sono ritrovate con una vera invasione dei granchi e ne hanno fatto grande incetta. Nei ristoranti è una pietanza molto richiesta sebbene sia dispendiosa. Poco importa visto che il crostaceo pregiato non abita sovente nei nostri mari. Ora c’è domani chissà.

LEGGI ANCHE–>Pericolo mare, rischio contaminazione per effetto del mercurio: danni irreparabili

LEGGI ANCHE–>Meteo, colpo di coda anticiclone sahariano: tornano le temperature torride

Ha una lunghezza di circa 15 centimetri, il corpo è più largo che lungo. A renderlo particolare è il colore verde oliva del corpo nella parte superiore, mentre il ventre è  bianco-azzurro. Le zampe allungate  presentano l’attaccatura e la parte finale di un colore blu intenso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.