SOS ambientale, il parassita che “divora” le coltivazioni: il resoconto degli esperti

Allarme fitosanitario, il parassita Flavescenza dorata è arrivata nelle nostre regioni. Un grattacapo per i coltivatori

parassita piante allarme
parassita piante(pixaby)

E’ stato diramato un nuovo allarme per quando concerne l’ambiente. Il parassita flavescenza dorata sta attaccando le coltivazioni senza pietà. Non c’è pace per questo periodo già funestato da situazioni anomali. Il problema è molto preoccupante.

L’anno corrente non è affatto iniziato sotto i buoni auspici. Il meteo sta diventando una dannazione non solo per i coltivatori e gli allevatori. Tutti stiamo subendo il giogo dell’anticiclone sahariano che imperversa sulla penisola da inizio primavera.

Era incominciato solo con qualche sporadica giornata più calda del solito poi improvvisamente tutto è generato. Il tempo torrido non dà tregua. Giusto qualche pioggerella disseminata con il contagocce. Per il resto una vera tragedia. Afa e la colonnina di mercurio alle stelle.

Parassita della famiglia flavescenza dorata sta mietendo vittime nelle coltivazioni

Sussiste un’emergenza fitosanitaria nelle campagne atte alla produzione di alimenti ortofrutticoli. Il parassita in questione è devastante e non guarda in faccia a nessuno. Aggredisce le piante che prive del loro nutrimento, immancabilmente periscono e seccano. Uno scenario agghiacciante.

parassita piante allarme
parassita pianta(pixaby)

Il loro bersaglio sono i vigneti che in questo periodo stanno forgiando il frutto da vendemmiare. Ora la maturità è a metà strada ma il parassita una volta depositato non darà modo di portare a termine la maturazione. Una grande perdita per il settore vinicolo.

Altro prodotto d’eccellenza preso di mira dalla flavescenza sono le colture di patate. I tuberi sono un bene primario sulle nostre tavole. Purtroppo il parassita sta già provvedendo alla loro distruzione. I contadini hanno dato l’allarme e chiamato in causa il Governo.

Purtroppo la siccità ha anche la sua colpa. Questi germi proliferano nell’umidità e la mancanza di pioggia costituisce il loro habitat favorevole. L’emergenza è arrivata a standard elevati. La circostanza è più grave del previsto e bisogna correre ai ripari.

LEGGI ANCHE–>Cose dell’altro mondo: avvistate nell’oceano creature marine sconosciute

LEGGI ANCHE–>Autovelox, attenti alla velocità: le nuove norme del codice della strada

L’Emilia Romagna è una delle zone più colpite. Il presidente Stefano Bonaccini sta mettendo in campo quanto è possibile nelle sue capacità per ovviare alla strage. Bisogna scendere in campo con le giuste strategie per far fronte al problema.

Gli esperti consigliano intanto di affidarsi a dei buoni prodotti innovativi che offre al momento il mercato terriero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.