Lavastoviglie, che puzza! Come eliminare il cattivo odore con qualche trucchetto

C’è chi sostiene di non chiudere il portello della lavastoviglie e chi non ne sopporta il cattivo odore passandoci davanti. Come risolvere il problema?

Pulire lavastoviglie cattivo odore metodi naturali
(beauty of nature – Pixabay)

A quanti è capitato almeno una volta di ringraziare il cielo per la presenza della lavastoviglie in cucina, magari dopo una cena con molti ospiti o dopo una giornata a lavoro particolarmente pensate? E a quanti, al contrario, è capitato di maledirla per il cattivo odore che rilascia in cucina? Sulla lavastoviglie ci sono infatti sentimenti contrastanti. Alcuni ne apprezzano la comodità, altri ne mettono in luce la sua natura potenzialmente inquinante.

Sia per ottimizzare l’uso della lavastoviglie, ad esempio tenendola pulita e usando detersivi biodegradabili, sia per evitare l’insorgere di attivo odore esistono dei trucchi da mettere in atto. Innanzitutto, però, è bene capire il perché la lavastoviglie sia soggetta a mandare cattivo odore. La causa sta nella presenza di acqua e residui organici, combinazione ideale per la proliferazione di muffe e batteri.

Soluzioni naturali per tenere la lavastoviglie pulita e profumata

Soprattutto durante l’estate, quando le temperature si alzano e il calore agisce da coadiuvante per la decomposizione dei rifiuti di cibo, la lavastoviglie può emanare cattivo odore. Come fare, dunque, per evitare questo fastidioso inconveniente?  Bisogna tenere la lavastoviglie pulita in ogni sua parte. In particolare, il filtro andrebbe pulito una volta a settimana, mentre il cestello delle stoviglie all’incirca una volta al mese.

Pulire lavastoviglie cattivo odore metodi naturali
(Manfred Richter – Pixabay)

Si può poi ricorrere a metodi di detersione naturali, soprattutto per chi non ama usare prodotti chimici che vadano a inquinare ambiente e stoviglie stesse. Per contrastare l’acidità nella lavastoviglie, si può usare il bicarbonato: con cui fare un lavaggio a vuoto del nostro elettrodomestico.

LEGGI ANCHE -> Roma, tutto ciò che non sai sul Colosseo. Emergono straordinari segreti.

LEGGI ANCHE -> Alga tossica imprigiona i mari italiani: come riconoscerla.

Per sanificarne l’interno, invece, si può far ricorso anche ad aceto o succo di limone o agrumi. Sia l’aceto che il succo di agrumi, infatti, riescono a sgrassare la lavastoviglie grazie alla loro acidità. E chi non ama l’odore forte dell’aceto, si riterrà soddisfatto della soluzione alternativa con succo di limone,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.