Scoperte in una grotta italiana tracce umane risalenti a 350 mila di anni fa

Sensazionale studio archeologico. Scoperte in una grotta italiana alcune tracce umane risalenti a 350 mila di anni fa. I particolari della ricerca. 

scoperta grotta tracce umane
Archeologo (Foto da Pixabay)

Nelle ultime settimane si stanno registrando importantissime scoperte archeologiche sia in Italia sia nel resto del mondo. Oggi vogliamo occuparci ancora una volta del nostro Paese e sottolineare quanta meraviglia nascosta c’è in profondità.

Grazie ad uno studio molto accurato da parte di un team di archeologici si è potuta constatare la presenza di alcune importantissime tracce umane all’interno di una famosa grotta pugliese. La notizia ha lasciato di stucco i ricercatori che non si aspettano qualcosa del genere.

Siamo al cospetto, infatti, di un rinvenimento a dir poco straordinario che ribalta del tutto la storia dell’insediamento e le convinzioni degli scienziati circa il periodo cui risalirebbe. Entriamo nel cuore della notizia.

Puglia, Grotta Romanelli: rinvenuta la presenza di tracce umane precedente agli uomini di Neanderthal

Scopriamo qualcosa in più sulla Grotta Romanelli: è un insediamento naturale e venne scoperto per la prima volta nel 1900. Stando alle numerose ricerche, il sito in questione ha dato i ripari agli uomini del Paleolitico.

Come abbiamo appena accennato, si tratta di un sito archeologico molto importante e risalente ai primi del ‘900. Fu solo allora che venne data per certa la presenza dell’uomo al suo interno. Furono trovati al suo interno, infatti, alcuni strumenti in pietra e tre scheletri.

Questa teoria è stata recentemente messa in discussione, in quanto grazie all’accurato lavoro svolto da alcune università italiane, si è giunti alla conclusione che le tracce umane nella grotta sono decisamente più antiche rispetto a quanto stabilito.

La presenza di micro-fossili e alcuni depositi calcarei hanno permesso di datare la presenza umana a circa 350 mila anni fa e non 125 mila come si è sempre sostenuto. Questo nuovo scenario, infatti, rafforza l’idea che la grotta è stata abitata dagli uomini di Neanderthal.

LEGGI ANCHE –> Straordinaria scoperta: rinvenuto sul fondo del mare un prezioso tesoro

LEGGI ANCHE –> Incredibile scoperta scientifica: le ipotesi sull’immortalità. I dettagli

Continuano le ricerche e si tenterà anche di scavare più in profondità nella speranza di trovare altri segni del passaggio umano all’interno della grotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.