Denise Pipitone, salta fuori un nuovo indizio. Piera Maggio non si arrende – VIDEO

Denise Pipitone, dopo 18 anni dalla scomparsa salta fuori un indizio che potrebbe dare speranza. Piera Maggio non si arrende. Il VIDEO.

Denise Pipitone indizio
Denise Pipitone (Foto da Instagram)

Il caso della scomparsa di Denise Pipitone è uno dei fatti di cronaca più longevi della storia italiana. Da quel lontanissimo 1° settembre 2004 sono trascorsi circa 18 anni. Anni in cui abbiamo visto lottare una donna, Piera Maggio, fino allo stremo dello sue forze per poter riabbracciare la sua bambina.

E’ una mattina apparentemente come tutte le altre: Piera lascia Denise a giocare dalla nonna. In una frazione di secondo la bambina scompare. Si perdono le sue tracce. Nessuno l’ha più vista. Le indagini partono immediatamente. La notizia di sparge a macchia d’olio. Chi è coinvolto? Perché?

Da quel fatidico giorno Piera è stata immersa dalla fake news, dai possibili avvistamenti in giro per il mondo. Tante le ipotesi seguite: il rapimento da parte dei rom in primis, ma anche il coinvolgimento stesso della famiglia allargata di Denise. Da sempre ostili verso la signora Maggio.

Denise Pipitone, nuovo esame del DNA su una giovane donna rumena. Ancora esito negativo

Le ultime settimane sono state molto complesse per Piera. Nei suoi occhi si è intravista la speranza. Una nuova pista percorribile che arriva direttamente da una famiglia rom.

Cosa sta succedendo? Proprio di recente è stato reso pubblico un video di una giovane donna che veniva chiamata con il nome di Denisa, in realtà Antonia Cerasela.

La ragazza ha scelto volontariamente di sottoporsi ad esame del dna in modo tale da poter verificare eventuali punti di contatto con la famiglia di Piera Maggio. Come ha spiegato l’avvocato Frazzitta, non è stato semplice procedere a questo tipo di analisi in quanto si è reso necessario smuovere canali internazionali.

Nella giornata di lunedì 2 maggio sono resi noti dalla stessa Piera e dal suo avvocato gli esami della ricerca che hanno dato un responso negativo. Dunque, Antonia Cerasela non è Denise Pipitone. La pista rom, in ogni caso, continua ad essere una delle ipotesi più accreditate.

LEGGI ANCHE –> Incidente sul lavoro, operaio morto in cantiere nella casa della ministra Cartabia

LEGGI ANCHE –> Tragedia sfiorata per miracolo: buttafuori aggrediti a coltellate

Continua la ricerca di Piera Maggio. Continua senza sosta fin quando non avrà ottenuto la giustizia che merita: stringere fra le braccia la sua bambina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.