Denise Pipitone, Piera Maggio non si arrende: importanti novità sulle ricerche

Non si fermano i genitori della piccola sparita da Mazara del Vallo. Ora, infatti, c’è qualcosa di nuovo che può forse aiutare le ricerche.

Denise Pipitone
Un manifesto per Denise Pipitone (Facebook)

Denise Pipitone che, come sappiamo, è la bambina scomparsa misteriosamente da Mazara del Vallo, rappresenta sicuramente un arcano che in primis ha coinvolto di certo la famiglia.

Dopodiché, dal lontano e fatidico 2004, questa storia toccante, in realtà, ha iniziato a far parte un po’ dei ricordi di ognuno. Se ne è parlato tanto, infatti, sia sui giornali che in televisione, anche se, per ora, le cose non sono andate nella direzione sperata.

Le ricerche e le costanti indagini, quindi, non sono state ancora capaci di scoprire la verità su questa sparizione che ha sconvolto le vite dei genitori siciliani.

Piera Maggio, in effetti, non si è mai arresa, ha sempre continuato ad andare avanti, senza perdere definitivamente la speranza, bensì, al contrario, lottando ogni giorno la battaglia più difficile che una madre possa affrontare.

La donna in questione, quindi, ai giorni nostri, cerca di utilizzare tutti i mezzi possibili per riunire maggiori informazioni e per dipanare il bandolo della matassa.

Così, ormai da diversi anni, la Maggio ha creato dei profili social che permettono agli utenti di tenersi informati riguardo al caso.

Infatti, su Instagram, per esempio, si fa sentire con la pagina denominata Missingdenisepipitone e su Facebook con quella che porta il suo nome e cognome.

Denise Pipitone, le ricerche continuano: adesso anche con un codice QR

Il post più recente, che risale soltanto a qualche ora fa, quindi, ci racconta di una Maggio delusa dalla vergogna, come lei stessa l’ha definita, di un rapimento che è stata la conseguenza di un raggiro della giustizia italiana. Anche se, conclude il messaggio, affermando che non hanno alcuna intenzione di darsi per vinti.

In questo ultimo periodo, quindi, se si dà un’occhiata al sito ufficiale dedicato alla bambina, si può notare che Piera ha aggiunto qualcosa che potrebbe ulteriormente aiutare a far chiarezza sul caso.

Si tratta, per l’appunto, di un codice QR che dà modo di collegarsi direttamente alla piattaforma della quale abbiamo accennato sopra.

LEGGI ANCHE –> Caso plusvalenze, le richieste della Procura: cosa rischiano Juventus e Napoli

LEGGI ANCHE –> Sparatoria nella metro in pieno giorno: trovati ordigni. Un sospettato

Così, a a tal proposito, si invita a stamparlo sotto forma di adesivo e ad applicarlo in un punto visibile come, per esempio, la vetrina del negozio, sulla parte esterna della propria automobile o su quella di un camion.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.