Vite al limite, la tragica fine di tutti i protagonisti: una serie di raccolte agghiaccianti

Vite al limite, il noto programma che ti mette al bivio nella vita: non tutto fila liscio e l’elenco dei responsi è lunga e pesa sulla coscienza.

il dottor Nowzaradan nel suo studio instagram

L’entusiasmo di riuscire a rimettersi in forma può essere smussato da brutti incidenti di percorso. Il programma Vite al limite ha affrontato, da parecchi anni a questa parte, tante situazioni dove a padroneggiare è l’insolente massa corporea dei malati di obesità. Il famigerato medico chirurgo dietologo Nowzaradan ha una grande esperienza in questo settore.

Grazie alla collaborazione dell’attrezzatissima clinica situata a Houston, nel Texas, l’illustre dottore, pacato e professionale, accompagna i pazienti in un viaggio che si prefigge irto di ostacoli. Emergono fatti importanti che hanno coinvolto i trascorsi degli obesi che chiedono aiuto, a volte abusi, soprusi, discriminazioni, violenze.

La mole di alcuni ricoverati rasenta l’inverosimile. Riescono a raggiungere anche più di un quarto tonnellata di peso e non riuscire più a sentire la propria muscolatura. L’imponenza di alcuni malati è davvero impressionante e avviarsi verso una radicale metamorfosi può comportare anche dei pericoli. Gli obesi ne sono a perfetta conoscenza.

Chi ha superato e chi no il codice di Vite al limite

Immergersi in una svolta può provocare delle scintille al sistema nervoso per la probabilità di non riuscire ad adattarsi al nuovo e difficile stile di vita alimentare. Il giovane James Bonner ha messo fine alla sua vita ad appena 30 anni dopo la partecipazione a Vite al limite. Mentre Coliesa è morta per attacco cardiaco durante il nuovo regime alimentare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da You’re Road (@youre_road)

Lisa Fleming ha avuto un percorso diverso. La giovane donna era arrivata ad un ottimo traguardo, infatti era calata di circa 200 kili. Un vero fenomeno, ce l’aveva messa tutta. Il nuovo fisico non ha retto però all’infarto che l’aveva sorpresa. Una vera tragedia per questa ragazza che voleva una nuova vita con tutte le sue forze.

LEGGI ANCHE –>MONDO DEL CALCIO IN LUTTO: MORTO IL CELEBRE ALLENATORE. HA SCOPERTO MARADONA E RONALDO

LEGGI ANCHE –> Flavio Insinna, brutto colpo in diretta tv: quelle parole che lo hanno colpito profondamente

Purtroppo anche il fisico ne risente moltissimo quando si decide per un’inversione di marcia. L’alleggerimento porta al movimento interno di tutto quello che era statico. Per dimagrire non occorre solo un bravo medico e una grande voglia di riscatto. Bisogna abituare il fisico ad un lento ma continuo cambiamento per vivere degnamente in salute per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.