Covid, un Paese vede la fine della pandemia: come si combatte il virus

Un Paese potrebbe essere vicino alla fine della pandemia da Covid, visto il dratico calo di contagi: come sta combattendo il virus.

Covid Paese fine pandemia come combatte virus
Covid test (Photo by Pierre Crom/Getty Images)

Passi in avanti della Gran Bretagna verso la fine della pandemia? Chissà, la speranza di tutti i britannici è ovviamente questa. Lo sostengono anche dall’OMS a seguito della netta discesa di casi di contagi da Covid negli scorsi giorni in Oltremanica.

David Nabarro, responsabile per il Covid all’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha dichiarato.

Guardando dal punto di vista del Regno Unito sembra che ci sia la luce alla fine del tunnel. – Quindi – è possibile immaginare che la fine della pandemia non sia troppo lontana.

Tuttavia, ha anche precisato, che il percorso sarà “accidentato“. È fiducioso il Governo guidato da Boris Johnson. Il portavoce di Downing Street ha dichiarato.

Ci sono segnali incoraggianti che i contagi stiano scendendo in tutto il Paese.

Quest’ultimo ha aggiunto che il numero di persone ricoverate negli ospedali sta scendendo o almeno risulta essere stabile. I nuovi casi di contagio da Covid sono in calo del 40% in una settimana. Nella giornata di ieri si sono registrati 84mila casi. A Capodanno invece è stato toccato il picco, con 190mila casi riscontrati.

Covid, così la Gran Bretagna combatte il virus

Per quanto concerne i ricoveri giornalieri, si è registrata una discesa del 6% rispetto all’inizio di quest’anno. Nell’intera Gran Bretagna risultano ormai soltanto 623 persone.

LEGGI ANCHE —> Occupazione, dati allarmanti: oltre l’11% dei lavoratori in situazione di povertà

Covid Paese fine pandemia come combatte virus
Covid test (Photo by Phil Walter/Getty Images)

Alla luce di tutti questi dati, nel corso di questa settimana Boris Johnson potrebbe decidere di far venir meno le restrizioni emanate per contenere il numero di contagi dovuti alla variante Omicron.

Il professor Paul Hunter dell’Università dell’East Anglia ha affermato.

Presto sarà solo una delle cause del raffreddore comune. Avremo bisogno di richiami di vaccino per i più vulnerabili, ma non vedo la necessità di un uso generalizzato delle mascherine o dei tamponi. Alla fine, vivremo in una società in cui questo virus circola ampiamente, ma non uccide più le persone.

LEGGI ANCHE —> Enorme asteroide minaccia la Terra: sarà una notte da incubo!

Il merito è della campagna vaccinale. Il 60% delle persone oltre i 12 anni hanno già ricevuto la terza dose. Inoltre si è deciso di far circolare il virus tra la popolazione in maniera da poter raggiungere la cosiddetta immunità di gregge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.