Gianni Versace, i misteri sulla sua morte continuano: ecco cosa sta emergendo

È ancora aperta l’inchiesta dell’omicidio del grande stilista conosciuto in tutto il mondo per i suoi bellissimi abiti.

gianni versace ride
Gianni Versace, stilista (Instagram)

Gianni Versace è stato un rinomato stilista di origini calabresi che negli anni Settanta fondò il brand Versace. Già dalla tenera età si interessò alla moda, lavorando nell’atelier della madre che, infatti, nella vita faceva la sarta. Così, successivamente decise di trasferirsi a Milano per mettere in pratica ciò che aveva imparato a livello professionale.

Fu proprio nella città meneghina che ebbe l’occasione di presentare la sua prima collezione per Complice. Da quel momento, poi, non si è più fermato, vestendo attrici e personaggi importanti e ricevendo grandi riconoscimenti e onorificenze come quella, per esempio, di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana per concessione dell’allora Presidente della Repubblica Francesco Cossiga.

Comunque sia, il celebre stilista conobbe una fine tragica, morendo all’età di 51 anni e nella villa di Miami Beach per quello che fu definito come un assassinio. La sorella Donatella, che inizialmente si occupava della parte di comunicazione e dell’immagine del marchio, dopo poco decise di disegnare anche una linea di moda.

All’inizio del nuovo secolo, inoltre la Versace propose un bellissimo abito verde e trasparente che poi fu scelto dalla stella del pop Jennifer Lopez durante i Grammy Awards. Un abito da sera, quel jungle dress, certamente molto provocante e alternativo che fece scalpore.

Un’indagine che non ha visto ancora una fine

Tuttavia, il mistero della morte del famoso couturier ancora oggi fa riflettere. Gianni, all’epoca, a quanto pare, fu ucciso con dei colpi di pistola mentre si trovava all’interno della propria dimora. Le indagini da parte della polizia, quindi, facevano pensare a Andrew Cunanan, un tossicodipendente che aveva già alle spalle ben cinque reati dello stesso genere.

gianni versace guarda
Gianni Versace insieme con Cindy Crawford nel 1992 (Instagram)

Il killer, in effetti, era uno dei nomi facenti parte della lista dei dieci criminali più ricercati degli Stati Uniti. Nonostante le tracce avessero portato fino a Cunanan, ci fu ben poco da fare, poiché il suddetto fu trovato egli stesso senza vita nella propria casa galleggiante.

LEGGI ANCHE –> Tragedia assurda, trovato morto in casa: ipotesi di omicidio per la moglie

LEGGI ANCHE –> Morte Libero De Rienzo: aperta indagine, ecco cosa sta emergendo

Peraltro, in questi giorni, sono stati rinvenuti altri due cadaveri nella vecchia casa di Gianni Versace, in coincidenza con i trent’anni dalla sua morte. Come si diceva, quindi, la questione appare ancora incerta anche per il detective Frank Monte. Queste le sue parole:

“Non immaginava che avrebbero tentato di ucciderlo”, ha spiegato Monte. “Secondo me è successo che una persona vicino a lui, ma non parte della famiglia, abbia commissionato il suo omicidio. Un lavoro da professionisti”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *