Trump usa il pugno duro contro il web: cosa intende fare

Donald Trump è sul piede di guerra, non ci sta e non intende darla vinta ai colossi del web. La decisione del politico e imprenditore ha dell’incredibile

Donald Trump (Instagram)
L’ex Presidente USA Donald Trump (Instagram)

Non è noto di sicuro per essere tra gli uomini più pazienti del mondo, Donald Trump, 45mo Presidente degli Stati Uniti d’America. Una carriera di successo la sua, iniziata a cavallo tra gli anni Settanta e i rampantissimi Ottanta.

Celebre non solo per i suoi affari miliardari ma anche per le donne, bellissime, avute al suo fianco. Prima tra tutte, Ivana, modella ceca che gli darà tre figli, tra i quali il suo futuro braccio destro, Ivanka. Quindi una scappatella con Marla Maples con la quale convola a seconde nozze nel 1993 e dalla quale ha la figlia Tiffany e dalla quale si separa nel 1999. Infine al suo braccio arriva Melania, la futura First Lady, madre di Barron.

Personaggio controverso e spesso sopra le righe, l’imprenditore non disdegna un salto anche nel mondo dello spettacolo partecipando a The Apprentice in qualità di conduttore e produttore esecutivo dal 2004 al 2014.

Ma il suo “ruolo” più celebre, quello per cui in tempi più recenti lo ricordiamo tutti, è quello di inquilino, indimenticabile, c’è da dire, della Casa Bianca dal 2017 al 2021.

Quattro anni tumultuosi che, nel bene e nel male, hanno segnato gli USA. Nel 2020 viene sconfitto nella corsa al secondo mandato presidenziale da Joe Biden, e non la prende assolutamente bene.

Donald Trump bannato dai social, la sua reazione non si fa attendere

Nel gennaio del 2021 avviene la famosa rivolta di Capitol Hill, e in seguito alle sue dichiarazioni incendiarie fatte a mezzo social e non solo, il politico viene bannato permanentemente o in via provvisoria dai maggiori network come Facebook.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mark Zuckerberg (@zuck)

Il 5 giugno il network di Mark Zuckeberg lo condanna al ban per il massimo consentito, non potendo farlo in via permanente: due anni. il 45mo Presidente potrà quindi riaccedere alla piattaforma solo nel 2023.

Nemmeno a dirlo, Trump non accetta la decisione presa e ha reso nota oggi la sua contromossa. “Chiederemo di mettere fine a questa penalizzazione ombra, a questo silenziare, ricattare, bandire e cancellare ciò che voi conoscete benissimo” le parole del newyorkese.

Leggi anche –> Donald Trump bandito dai social: lo sdegno dell’ex Presidente USA

Leggi anche –> Crollo palazzo in USA, si aggrava il bilancio delle vittime. E non finisce qui…

Non è finita qui: il tycoon ha deciso di capitanare una class action con la quale dare del filo da torcere ai tre colossi web: Facebook, Twitter e Google, rei di silenziare la voce dei conservatori e di aver eseguito una censura nei suoi confronti.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *