Gabriele Paolini: la decisione che tutti stavano aspettando

Gabriele Paolini: arriva la condanna per il disturbatore seriale che ha dato filo da torcere alla televisione italiana, la decisione

gabriele paolini

Gabriele Paolini è stato uno dei protagonisti indiscussi della televisione italiana, la sua presenza costante in molti servizi ha dato filo da torcere a giornalisti e conduttori.

Ha fatto perdere la pazienza a professionisti, fotografi con quello sguardo intimidatorio che oggi però è stato fermato definitivamente. Gli agenti del primo dirigente Eugenio Ferraro del distretto di polizia di San Basilio hanno preso una decisione che cambierà le sorti del disturbatore seriale.

Gabriele Paolini: il giudizio finale

E’ arrivo per Gabriele Paolini un ordine di esecuzione pena da scontare in un penitenziario. Ecco qual è la decisione presa per il disturbatore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gabriele Paolini (@gabriele_paolini1)

L’uomo è stato condannato a otto anni di carcere per diverse denunce. I capi di accusa sono l’induzione alla prostituzione minorile, produzione di materiale pedopornografico e tentata violenza sessuale su minori, tutti i reati che hanno messo in cattiva luce Paolini.

Secondo quanto emerso, la condanna risale al 2013 quando Gabriele aveva intrecciato una relazione con un ragazzo che all’epoca aveva 17 anni. Inoltre gli agenti di polizia lo hanno accusato di avere indotto alcuni minorenni ad avere rapporti sessuali con lui in cambio di denaro e regali vari.

Sono anni che il disturbatore è la causa di servizi andati a male e di discussioni finiti in litigi anche tra colleghi in televisione. Qualche tempo fa Alberto Matano durante una delle puntate di La vita in diretta si è alterato con Paolini mandando in fumo il programma.

LEGGI ANCHE>>Grande fratello vip, il desiderio di un’ex concorrente: “Vorrei una possibilità”

LEGGI ANCHE>>Alena Seredova, Buffon ci prova ma lei è categorica. Il no definitivo all’ex

Insomma le cose si mettono male per l’uomo che a questo punto smetterà di disturbare e mandare nello scandalo la televisione e tutte le persone che ci lavorano. Finalmente la vendetta è stata servita ed ora non c’è più motivo di preoccuparsi. Il disturbatore è stato sistemato e i professionisti potranno continuare a lavorare nel migliore dei modi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *