Difese i cristiani dall’ISIS, tragedia religiosa: perde la vita un simbolo della Chiesa

È deceduto in Francia dopo un lunga malattia che lo aveva costretto a trasferirsi per cure a Parigi.

Monsignor Jacques Behnan Hindo scomparso domenica 6 Giugno. Il presule siro-cattolico avrebbe compiuto ottant’anni ad Agosto ma si è aggravato nei giorni scorsi.

Amer Kassar, sacerdote siro cattolico anche lui, intervistato da AsiaNews ha ricordato monsignor Hindo come un uomo di Dio nel tempo difficile della guerra.

Capace di restare accanto al suo popolo anche quando l’Isis è entrato in città, ribadendo a tutti i credenti cristiani, sacerdoti compresi, di non fuggire e restare con il popolo.

Difese i cristiani dall'ISIS, tragedia religiosa: perde la vita un simbolo della Chiesa
Monsignor Jacques Behnan Hindo (Screenshot Youtube)

La perdita è molto sentita da tutti i fedeli che lo hanno conosciuto. Jacques Behnan Hindo nato l’8 Agosto del 1941 era stato ordinato sacerdote nel 1969 e nel 1996 è stato nominato arcivescovo di Hassaké-Sisibi, sede della Chiesa cattolica sira immediatamente.

La scomparsa di Monsignor Hindo, ricordato come mediatore tra cristiani e musulmani

Nel 2019 per motivi di salute e raggiungimento di età massima lascia la carica di arcivescovo, mantenendo sempre attiva l’attenzione in difesa dei cristiani e degli abitanti della Siria.

Impegnandosi negli anni a contrastare la chiusura di diverse suole cristiane presenti nella regione curda non riconosciuta da Damasco.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Assyria TV (@assyriatv)

Padre Amer Kassar ha proseguito nell’intervista dichiarando:

LEGGI ANCHE–> Fine pandemia, Papa Francesco recita il rosario in diretta tv: come seguirlo

Monsignor Hindo ha giocato un ruolo di mediatore fra arabi e curdi, fra musulmani e cristiani restando sempre ad Hassaké, che non ha abbandonato nemmeno quando l’Isis era alle porte”.

LEGGI ANCHE–> Clamoroso in Vaticano, si dimette un fedelissimo di Papa Francesco: il motivo è sconcertante

Nel corso degli anni trascorsi in Siria, Hindo si è sempre battuto per il dialogo e l’incontro, favorendo associazioni educative e di aiuto come la Caritas.

Promuovendo iniziative e progetti di sviluppo abitativo per i giovani con l’obbiettivo di limitare il fenomeno negativo dello spopolamento dei territori caratterizzati dalla presenza di cristiani.

Una triste perdita per tutti i fedeli che negli anni gli hanno voluto bene e hanno trovato il lui e nelle sue azioni soccorso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *