Raddoppia il bonus tv 2021: come richiederlo e ottenerlo

Abbiamo tempo un anno per sostituire tutti i nostri apparecchi tv, lo Stato però ci viene incontro con un bonus fino a 100 euro da spendere a nostro piacimento.

Vecchia tv
Vecchia tv (Foto di methodshop da Pixabay)

Purtroppo entro giugno 2022 gli italiani dovranno rottamare i propri vecchi apparecchi televisori non più idonei al nuovo standard della televisione digitale terrestre (ovvero il Dvb-T 2 con codifica Hevc main 10).

Si tratta di una gran bella cifra che costerà moltissimo alle famiglie che magari solo recentemente avevano fatto la grande spesa di cambiare tv e ora sono costrette a rimboccarsi le maniche ancora una volta e acquistare un nuovo elettrodomestico.

Lo Stato per venire incontro a questa esigenza ha deciso di mettere a disposizione 100 milioni di euro per poter soddisfare le richieste degli utenti. Chi desidera potrà utilizzare un bonus fino a 100 euro per rottamare i vecchi apparecchi televisivi. Ma come si può ottenere questa cifra?

Come richiedere il bonus tv

La questione è abbastanza complessa ma cerchiamo di semplificarla. Al momento è ancora valido fino a fine anno uno sconto di 50 euro destinato ai nuclei familiari con massimo 20mila euro di Isee, per l’acquisto di un televisore nuovo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Genova Informatica (@genovainformatica)

In questi giorni verrà varato un nuovo decreto attuativo della legge di bilancio 2021 che prevede un ampliamento del bonus in corso. Si tratta di un bonus di rottamazione di 100 euro senza limite di Isee e che prevede la consegna del vecchio apparecchio in cambio del nuovo.

Fermo restando il vincolo di poter usufruire di un solo bonus per nucleo familiare, anche per acquisti online, dovremmo attendere i prossimi giorni quando il Governo darà comunicazione ufficiale su quali documenti bisognerà presentare per ottenere il bonus.

VEDI ANCHE —> WhatsApp, cos’è la “modalità scomparsa”? La novità del momento

LEGGI ANCHE —> Whatsapp, attenti a questo messaggio, è una truffa! Interviene la Polizia

Per il secondo punto descritto non servirà comunque nessuna autocertificazione dell’Isee visto che questa clausola è stata tolta, probabilmente verrà emesso solo un modulo per la richiesta dell’accredito a fronte del cambio merce nei negozi aderenti all’iniziativa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *