Svolta nel caso Denise Pipitone: dopo diciassette anni spunta un nuovo testimone

Durante la trasmissione Chi l’ha visto? è emersa la testimonianza di un personaggio chiave nel caso di Denise Pipitone, potrebbe segnare la svolta nelle indagini.

Piera Maggio e Denise

Il caso della scomparsa della piccola Denise Pipitone non sembra avere pace e dopo 17 anni ancora non si vede la luce in fondo al tunnel. Una vicenda che ha scosso tutta Mazara Del Vallo e la stessa famiglia della bambina che da quel 2004 non si è più data pace.

In questi anni il legale che segue la vicenda ha lanciato diversi appelli in tv e social perché chi sapeva si facesse avanti per risolvere il giallo che tiene col fiato sospeso il Paese da allora.

L’avvocato Giacomo Frazzitta ha ricevuto una settimana fa una lettera anonima scritta da un testimone che si è fatto coraggio e ha confessato di sapere la verità. La persona non ha rivelato la sua identità ma ha chiaramente spiegato di conoscere la dinamica dei fatti e di non aver mai parlato per paura di ritorsioni.

Il testimone confessa: “Sicuro al 100 per cento”

Questo testimone chiave ha contattato anche la trasmissione Chi l’ha visto? fornendo la lettera inviata anche a Frazzitta, un documento lungo tre pagine che la stessa Sciarelli ha letto a spezzoni durante l’ultima puntata.

Stava correndo, mi tocca lo specchietto dell’auto” – afferma il testimone facendo riferimento ad una vettura – “In quel momento faceva caldo e avevo il finestrino aperto. Ho accostato perché mi aveva toccato lo specchietto”.

LEGGI ANCHE –> Il caso Berlusconi aggrava la politica di centrodestra: remake alle amministrative?

LEGGI ANCHE –> Star americana fa coming out, ma la confessione non convince: cos’ha detto?

L’auto a cui fa riferimento l’anonimo è una Ford Fiesta che in molti sostengono di aver visto in paese il giorno della sparizione della piccola.

Dopo l’urto tra le auto avrebbe notato chiaramente tre uomini a bordo e una bambina che piangeva e che “è sicuro al 100 per cento essere stata Denise”. Ora la trasmissione consegnerà la lettera alla Procura, che potrà poi proseguire con le indagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *