La “Pizza Riina” a Colonia scatena la polemica: il motivo della moda tedesca

Ha destato molto scandalo a Colonia, in Germania, la “pizza Riina”, in una famosa pizzeria nella città, ecco tutti i dettagli della vicenda.

Pizza
Scandalo in Germania: Pizza Riina (da Pixabay)

In Germania, più precisamente, nella città di Colonia, una pizzeria ha destato particolare scalpore e sdegno a causa della scelta del nome di una pizza. Innanzitutto, la pizzeria aveva destato scandalo già a partire dalla scelta del nome del locale: “Pizzeria Mafiosi“, nome che ha suscitato non poche polemiche, in quanto nella stessa insegna riporta un’immagine controversa, quella de “Il Padrino“.

I riferimenti non possono, di certo, essere ritenuti casuali, infatti le associazioni contro la mafia hanno sollevato un polverone, dopo le numerose segnalazioni, per criticare aspramente la scelta dei proprietari. Le associazioni hanno rimarcato come la scelta di questi nomi sia una condotta particolarmente scorretta e irrispettosa nei confronti delle numerose vittime della mafia.

LEGGI ANCHE —–> Treviso: svelato il mistero del rogo di Castagnole di Paese

Oltre alla pizza Riina, altri esempi di elogio alla mafia in Germania

Pizza
Scandalo in Germania: Pizza Riina e pizzerie mafia (da Pixabay)

Purtroppo, anche in altre città tedesche, è stato osservato lo stesso fenomeno: alcuni locali hanno accostato la propria attività a nomi controversi come “mafia” o peggio, è stata rievocata l’immagine di due dei più noti giudici antimafia, che hanno combattuto e pagato con la loro vita, il prezzo della loro e nostra battaglia: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Questa nota pizzeria, localizzata a Francoforte, era gestita da un proprietario tedesco, ma è stata proprio la sorella del giudice Falcone a denunciare quella che risultava essere una violazione alla memoria dei due paladini della mafia e della giustizia. Nel locale, infatti, le pareti delle sale erano state traforate di proiettili per rievocare gli attentati della mafia. Il gestore, dopo la denuncia mossa dalla donna, ha deciso di modificare il nome del locale, riconoscendo il proprio errore. E’ sorprendente, ma anche triste che al giorno d’oggi, delle tematiche così delicate siano usate per creare scherno o lucro, quando in verità dovrebbero essere sensibilizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *