Mann, al via la mostra tanto attesa del celebre artista: tutti i dettagli

Grandissimo appuntamento al Mann di Napoli, al via la mostra tanto attesa del celebre artista: tutti i dettagli della rassegna.

Mann mostra
Il Mann di Napoli (Foto da Instagram)

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli è tra gli istituti museali più importanti al mondo – in particolare per la sua sezione dedicata all’arte romana. All’interno sono conservati tesori dal valore inestimabile appartenenti alla collezione Farnese, collezione pompeia ed egizia.

Durante il corso degli anni sono stati effettuati diversi lavori di restauro che hanno permesso una migliore e più adeguata sistemazione non solo dei reperti, ma anche di tutta la statuaria antica che ha finalmente trovato una nuova collocazione.

Oltre alla collezione permanente, il Museo è solito ospitare molte altre mostre ed eventi culturali. Il Mann è una vera e propria garanzia per il mondo dell’arte. A tal proposito vi consiglio di non perdervi il prossimo evento in calendario.

Sing Sing. Il corpo di Pompei, in mostra al Mann

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luigi Spina (@luigi.spina.photographer)

Si è recentemente inaugurata la mostra Sing Sing. Il corpo di Pompei curata da Luigi Spina. Il progetto intende riportare in auge i reperti di 2000 anni fa. Dai reperti alla vita. La mostra – ospitata dal Mann – sarà visitabile fino al 30 giugno 2022.

All’interno delle sale della Villa dei Papiri sono state raccolte circa 50 scatti fotografici volutamente in bianco e nero che aiutano a ricostruire il percorso tra le celle dei depositi del museo, fino a questo momento considerati irraggiungibili al pubblico e dunque la possibilità di conoscere la quotidianità dei paesi vesuviani.

Saranno esposti in mostra diversi reperti quali anfore, piatti, statue, decori. Un progetto davvero molto ambizioso quello del fotografo Luigi Spina che si è spinto laddove si credeva fosse impossibile, scoperchiando i segreti del Museo Mann.

LEGGI ANCHE –> Arriva il grande freddo: questa la migliore manutenzione per la propria auto

LEGGI ANCHE –> Persino la Scienza divisa sui vaccini dall’ inizio pandemia; ecco perché forse la gente è confusa

Il lavoro di Spina mira al dialogo e alla narrazione tra quello che era e quello che è adesso. L’immenso risultato fotografico è il frutto di un processo di comunicazione molto intenso con i tesori di Villa dei Papiri. È un vero e proprio racconto che ci fa pensare a Pompei quasi come se fosse possibile toccarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.