Paolo Borsellino, l’anniversario dell’omicidio di via d’Amelio: quel ricordo che spezza il cuore

La strage di via d’Amelio, che strappò la vita al magistrato Paolo Borsellino, arriva oggi al suo 29esimo anniversario.

Paolo Borsellino
Fonte immagine Instagram

Era il 19 luglio del 1992 quando in via Mariano D’Amelio a Palermo viene consumato un attentato che ha contato, oltre La strage di via d’Amelio, che strappò la vita al magistrato Paolo Borsellino, arriva oggi al suo 29esimo anniversario., alte 5 vittime, uomini appartenenti alla sua scorta. L’indirizzo in cui è avvenuto il tragico evento è quello della madre di Borsellino, che all’epoca dei fatti domiciliava all’altezza del civico 21 con la sorella del magistrato.

Dopo un pranzo consumato con la sua famiglia, Borsellino si reca a casa della madre, ad aspettarlo era parcheggiata una Fiat 126 rubata e riempita di esplosivo. Per l’esattezza il peso di polvere al uso interno era pari a 90 chilogrammi. Al suo arrivo l’auto viene fatta esplodere con un detonatore, l’urto violento ha distrutto decine di veicoli parcheggiati sulla stessa via.

Gli ultimi giorni di Paolo Borsellino

L’unico sopravvissuto all’attentato è Antonino Vitullo, l’agente che nel durante l’esplosione si era allontanato per parcheggiare uno dei veicoli della scorta. Fin da subito si è pensato a un attentato di stampo terroristico-mafioso, soprattutto perché è avvenuto a 57 giorni di distanza da un altro tragico evento in cui rimaste ucciso Giovanni Falcone, collega di Borsellino.

Paolo Borsellino
Fonte immagine Instagram

La strage di Capaci, dove perse la vita il magistrato Falcone è stata vissuta da Borsellino come un avvertimento. I 57 giorni che passarono tra una strage e l’altra furono fondamentali per Borsellino che cercò di lavorare il più possibile nonostante fosse a conoscenza del suo tragico destino.

Oggi, a distanza di 29 anni, si celebra l’anniversario della morte di uno dei più grandi magistrati impegnati nella lotta contro la mafia. Il suo operato è stato riconosciuto sia in Italia che a livello internazionale. Membro per diversi anni del pool antimafia che ha segnato la svolta nell’ambito delle indagini di reati di stampo mafioso. I magistrati lavoravano in concomitanza con lo scopo di combattere questo cancro sociale che continuava ad affliggere il meridione italiano.

LEGGI ANCHE -> Entra in una Rsa e uccide anziana di 78 anni: visitatore in manette

LEGGI ANCHE -> Denise Pipitone, la bomba di Anna Corona: “Lo sa tutta Mazara”;

Come ogni anno, anche oggi verrà celebrata la giornata della memoria a Palermo. Alle 16.59, ora della strage, ci sarà il solito munito di silenzio per poi procedere con i racconti dei famigliari delle vittime di via d’Amelio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *