Ha un malore mentre distribuisce volantini, nulla da fare per lui: una tragedia assurda

L’uomo era impegnato nel centro storico di Galatina quando è stato colto da un malore provocato dalle alte temperature, comunità sotto choc.

Ondata di caldo

Il caldo intenso degli ultimi giorni sta avendo degli esiti sulla salute umana anche molto gravi. Un uomo di 35 anni è morto mercoledì scorso nel centro di Galatina, Lecce, mentre stava distribuendo dei volantini per conto di un’azienda pubblicitaria della zona.

La vittima si chiamava Antonio Valente ed era originario di Miggiano, frazione di Tricase. Nulla da fare per lui, colpito da un attacco cardiaco dovuto all’insolazione è morto quasi sul colpo.

I sanitari giunti subito sul posto non hanno potuto fare nulla per lui, il decesso è sopraggiunto dopo l’arrivo in ospedale.

Il malore in strada e poi il trasferimento in ospedale

La tragedia si è consumata a Galatina, dove il 35enne stava lavorando quando si è sentito male.

Antonio Valente
Antonio Valente (Foto Facebook)

Antonio Valente ha accusato un malore mentre copriva la zona del centro storico per un’azienda pubblicitaria. Secondo le prime testimonianze sembra che proprio Antonio abbia chiesto aiuto a dei passanti del centro, poi il trasporto d’urgenza in ospedale.

Il secondo passaggio nella struttura di Casarano è stato necessario viste le sue condizioni apparse subito molto gravi. La morte è sopraggiunta però poche ore dopo per arresto cardiaco.

LEGGI ANCHE –> Strage a Miami, crolla edificio di 12 piani: tante le vittime | VIDEO

LEGGI ANCHE –> Covid, l’uomo con il tempo di malattia più lungo di sempre: che record!

La comunità è incredula per quanto accaduto, i funerali sono previsti per oggi pomeriggio nella chiesa parrocchiale del comune dove Antonio viveva con la famiglia.

Contrariamente a quanto detto dagli inquirenti, sul ragazzo non è stata svolta l’autopsia, fin da subito è stata accertata la morte per un colpo di calore sopraggiunto ed una forte disidratazione.

La tragedia non è la sola in Puglia, già pochi giorni prima era morto un bracciante nel brindisino impegnato nella raccolta agricola. Questi era stato colto da un infarto mentre rincasava in bicicletta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *