Un punto ciascuno non fa male a nessuno

Inter-Roma le probabili formazioni della 33° giornata di campionato
19 Aprile 2019
La Lazio mette il Milan in ginocchio
24 Aprile 2019

Un punto ciascuno non fa male a nessuno

foto: Twitter Inter.it

Con  il pareggio del Milan a Parma e la sconfitta in casa della Lazio, il punto conquistato da Inter e Roma sembra accontentare entrambe le squadre. Meglio la Roma nel primo tempo, la squadra di Ranieri preferisce giocare palle lunghe per Dzeko, bravo e abile nel difendere la sfera e dare tempo ai compagni di salire. Il pressing alto di Under ed El Shaarawy costringono gli uomini di Spalletti a non trovare spazi sulle corsie. L’inserimento di Icardi, con l’arretramento di Lautaro,  costringono i giallorossi ad abbassare il baricentro, rischiando in più occasioni di subire il pareggio.

Grandi difficoltà dell’Inter nel prendere le misure alla Roma. Spalletti conferma il duo Vecino, Borja Valero a centrocampo con lo spagnolo chiamato a sostituire Brozovic nel creare gioco in metà  campo. Si rivede Nainggolan trequartista  con Politano a destra e Perisic a Sinistra, Lautaro Martinez preferito ad Icardi come unica punta.  Ranieri si mette a specchio, Cristante, Nzonzi davanti ala difesa con Under, Pellegrini, El Shaarawy a supporto di Dzeko.

E’ proprio il bosniaco a rendersi pericoloso ad inizio partita, scambio stretto con Florenzi ma il tiro è debole. Partita fin da subito gradevole, all’occasione della Roma rispondono subito i padroni di casa, Politano crossa per Luataro che costringe Mirante alla deviazione sul palo. Ma è la Roma  a portarsi in vantaggio, El Shaarawy si accentra da sinistra  e lascia partire un tiro a giro che batte Handanovic. Per il Faraone è la 6 rete nelle ultime 7 gare giocate a san Siro.  I nerazzurri subiscono il contraccolpo, Borja Valero soffre il pressing costante di Pellegrini e Nzonzi, senza la qualità dello spagnolo la manovra perde di ritmo e velocità.

A fine primo tempo è Asamoah che con una giocata da campione si libera di 3 giocatori ma il suo tiro viene deviato di quel poco da  finire sull’esterno della rete. Un minuto dopo è Politano che da destra si accentra e calcia a colpo sicuro, Mirante respinge ma sulla risposta Martinez calcia alto da buona posizione.

Spalletti inserisce Mauro Icardi al poto di uno spento Nainggolan. Proprio l’argentino divide lo stadio: la curva lo apostrofa come mercenario mentre il resto dello stadio lo applaude.  Il cambio da i suoi frutti, Lautaro libero di svariare diventa un problema per la retroguardia giallorossa. L’Inter è in continua pressione e a metà ripresa pareggia: D’Ambrosio crossa in area, Zaniolo non scala sul secondo palo e Perisic in tuffo batte Mirante.  I nerazzurri si rendono pericolosi con Martinez, ma a tempo scaduto è Handanovic che deve salvare su Kolarov. Un punto ciascuno che tiene i nerazzurri saldamente al terzo posto e la Roma ad un punto da Milan.

 

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino, Borja Valero; Politano (39’st Keita), Nainggolan (9’st Icardi), Perisic; Lautaro Martinez (33’st Joao Mario). A disposizione: Padelli, Candreva, Dalbert, Gagliardini, Miranda, Ranocchia, Soares. Allenatore: Spalletti.

ROMA (4-2-3-1): Mirante; Florenzi, Jesus, Fazio, Kolarov; Cristante, N’Zonzi; Under (1’st Zaniolo), Pellegrini (35’st Kluivert), El Shaarawy; Dzeko. A disposizione: Olsen, Coric, Fuzato, Marcano, Pastore, Perotti, Riccardi, Schick. Allenatore: Ranieri.

ARBITRO: Guida di Torre Annunziata.

MARCATORI: 14’pt El Shaarawy (R), 15’st Perisic (I).

NOTE: Ammoniti: Vecino (I); Cristante, Zaniolo (R). Recupero: 1’pt-3’st. Calci d’angolo: 7-4 per l’Inter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *