Ricordate il concerto di Barcellona di fine Marzo? Ecco gli esiti dei test anti covid

Usciti i risultati dei test anti covid, all’indomani del concerto di Barcellona di fine Marzo? Che sorpresa nel numero di contagiati

Ricordate il concerto di Barcellona di fine Marzo? Ecco gli esiti dei test anti covid
Il gruppo musicale dei Love Of Lesbian (Screenshot Instagram)

Lo scorso Marzo, sul territorio di Barcellona si è tenuto il primo evento di massa, del periodo post Covid-19. A quel concerto avevano partecipato ben 5.000 persone, tutte con le mascherine coperte sul volto e il distanziamento sociale, di almeno un metro, di una persona dall’altra.

La Spagna è stata la nazione “principe” a mettere in moto la prima prova ufficiale, per verificare lo status della malattia su un campione di persone. Premettendo che all’evento non si era giunti per caso, ma in seguito alla passione per la musica, il governo iberico lo ha giudicato comunque un vero e proprio banco di prova per la ripresa delle attività di gruppo all’aperto.

Parliamo del concerto dei Love Of Lesbian, tenutosi lo scorso 27 Marzo, organizzato nei minimi dettagli. Ad oggi di quel famoso evento, che sorprese tutta l’Europa abbiamo i risultati dei test, a distanza di quasi un mese

LEGGI ANCHE —–> Uomini e Donne anticipazioni, Ida Platano ha un cavaliere? I rumors

Il concerto di Barcellona, veicolo di contagio? Parlano gli esperti

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Love of Lesbian (@loveoflesbian)

Quell’evento del 27 Marzo 2021 è ancora impresso nella mente degli Europei che avevano definito irresponsabili, gli spagnoli per aver organizzato il tutto con il pericolo contagio, dietro l’angolo.

La città di Barcellona era in assoluto fermento e faceva il countdown per la partecipazione al concerto dei Love Of Lesbian. Tuttavia, per i ricercatori spagnoli, il primo evento di gruppo del periodo post pandemia era considerato un vero e proprio “test”, per capire la media nazionale dei contagiati e se ci fossero i presupposti per continuare ad organizzarne altri.

Secondo le ricerche e i risultati dei test per tampone, su ciascun partecipante, per un totale di 5.000 persone al concerto è risultato che il primo concerto post covid può non essere annoverato come focolaio o veicolo di contagio.

LEGGI ANCHE ——> Gabriel Garko grave lutto, il triste messaggio: “Fa buon viaggio”

In seguito alla consultazione dei sanitari è stato possibile rilevare, oltre quattordici giorni dopo la fine del concerto che le persone risultate positive, in tutto erano state solo sei. Di queste sei, quattro persone non si sono infettate all’evento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *