mercoledì , marzo 20 2019
Breaking News
Home / Inter / L’Inter rialza la testa

L’Inter rialza la testa

Senza Icardi, Nainggolan, Vecino con Skriniar, Perisic, Keità in panchina i nerazzurri, dopo un brutto primo tempo, nella ripresa riesce a conquistare tre punti fondamentali grazie alle reti di Politano e Gagliardini. La squadra di Spalletti risponde al successo del Milan a Verona e rimane ad un punto in vista del derby di domenica sera. Il tecnico toscano effettua un pesante turnover in vista della partita di coppa, si rivede Dalbert sulla sinistra e Cedric sulla destra con Joao Mario trequartista dietro a Lautaro Martinez unica punta. Asamoah schierato nell’inedito ruolo di esterno alto. Semplici schiera un 3-5-2 ordinato senza rinunciare a creare pericoli alla formazione nerazzurra.

Le scelte del tecnico toscano non sembrano aver dato slancio ai nerazzurri che dimostrano di essere ancora in fase di convalescenza senza dare un segnale positivo per poterne uscire. A centrocampo Brozovic e Gagliardini non garantiscono geometrie, il possesso della sfera è macchinoso e la manovra fatica a decollare. Gli unici pericoli alla porta di Viviano li procura Lautaro Martinez, prima al 16′  in girata su cross di Cedric dalla destra, 10′ minuti dopo sempre Cedric serve l’argentino che di testa sfiora il palo alla sinistra di Viviano. La Spal, ben messa in campo, non sembra essere venuta a Milano da vittima sacrificale e appena può cerca di impensierire la porta di Handanovic, ci prova Petagna di testa che servito da Bonifazi sfiora il palo alla sinistra del portiere nerazzurro. Alla mezz’ora Martinez, con una giocata da campione, porta l’Inter in vantaggio ma su richiamo del Var Calvarese annulla per un tocco di braccio dell’argentino.

La ripresa inizia con Spalletti che disegna un Inter a trazione anteriore. Dopo aver perso Brozovic, sostituito da Candreva, nell’intervallo Miranda rimane negli spogliatoi sostituito da Ranocchia con il conseguente passaggio alla difesa a 3. Il cambio tattico consente ai nerazzurri di prendere in mano il centrocampo, mantenere costantemente il controllo del gioco non permettendo agli ospiti di rendersi pericolosi in fase offensiva. Candreva affianca Lautaro in attacco lasciando spazio sulla sinistra agli inserimenti di Dalbert e sulla destra di Politano. La supremazia si concretizza a metà secondo tempo: Politano è abile a sfruttare un rimpallo e con un destro al volo ch non lascia scampo a Viviano. Dieci minuti dopo è il turno di Gagliardini, che intercetta un tiro di Cedric e con un tiro in contro balzo porta gli spallettiani sul 2-0.

 

About Dario Trione

Check Also

Mandzukic stende l’Inter

E’ la partita che divide l’Italia, la sfida per eccellenza del calcio nostrano, è il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *